Tonfo esterno per la squadra di Repesa che cade rovinosamente sul parquet dell'Unics Kazan, 100-79 il punteggio finale.

Clamorosa sconfitta dell'EA7 Milano sul campo dell'Unics Kazan fanalino di coda.

Altra batosta in Eurolega per l’EA7 Milano che cede rovinosamente all’Unics Kazan col punteggio di 100-79. La squadra di Repesa, orfana di Cinciarini e Gentile, crolla nell’ultimo quarto in Russia al termine di una partita comandata dai padroni di casa per tutti i quaranta minuti. Milano sembrava aver cambiato inerzia della partita ed aver finalmente sistemato le cose sul finire di terzo quarto quando, con Hickman e Sanders, è arrivata fino al -4 rimontando uno svantaggio che era stato di quattordici punti all’intervallo lungo grazie al parziale di 26-13 nella terza frazione. L’ultimo quarto è però devastante, c’è una sola squadra in campo ed è l’Unics Kazan. Kaimakoglu e Langford sono immarcabili, Milano si blocca completamente in attacco ed arrivano palle perse ingenue oltre che conclusioni forzate e a bassa percentuale. L’Unics trova canestri importanti dalla lunga distanza con Panin autore di 18 punti, compreso la bomba che fissa il punteggio finale. Il miglior realizzatore dell’Olimpia è Mclean autore di 16 punti. Per l’Unics è invece il solito Langford con 25 punti in 32 minuti. Partita molto solid anche quella di Parakhouski, 16 e Colon che segna 9 punti e 12 rimbalzi. Milano resta cosi ad 8 punti arrivando cosi alla terza sconfitta consecutiva e dando segnali molto negativi per il prosieguo della competizione. Kazan vince invece la sua terza partita e si dimostra squadra temibile capace di tener testa a tutte le formazioni della massima competizione continentale.