Ha raccontato per anni il calcio dalle colonne della Gazzetta. Ora è un nuovo volto di Sky

I lettori dei quotidiani sportivi, in particolare quelli della Gazzetta, hanno perso una grande penna. Gli abbonati Sky hanno un nuovo, prestigioso opinionista.

Stiamo parlando di Paolo Condò, uno dei giornalisti sportivi di maggiore fama, che quest'estate è passato appunto dalla Gazzetta a Sky.

Condò è da anni l'unico rappresentante italiano nella giuria del pallone d'oro, e già questo, per chi non lo conoscesse, è un ottimo biglietto da visita. In più, per anni, è stata una delle firme più prestigiose della "rosea". Dalle colonne della Gazzetta il triestino Condò ha raccontato, con il suo stile unico e inconfondibile, le pagine più importanti del calcio degli ultimi anni, italiano e non solo. Il nostro è infatti anche un fine conoscitore di calcio internazionale.

Con la nascita di Gazzetta Tv abbiamo scoperto un Condò bravo anche nella conduzione e nei panni dell'intervistatore. Ha presentato il programma "Condò confidential", nel quale intervistava i maggiori protagonisti dello sport: da Allegri a Mancini, dalla Pellegrini a Malagò. Per il canale 59, inoltre, Condò ha raccontato come seconda voce le principali partite della Coppa America 2015.

Che fosse portato anche per il piccolo schermo, d'altronde, lo si era capito già dalle diverse ospitate in tv fatte in questi anni, in particolare all'interno della trasmissione di Calciomercato di Sky.

La pay-tv satellitare ci ha visto lungo e ha deciso di portarlo tra le sue fila.

In queste prime settimane lo abbiamo visto, oltre che nel programma di Bonan, come ospite fisso di Sky Calcio Show. Condò è apparso subito inserito nel ruolo, e ha contribuito alla discussione con analisi lucide e pertinenti.

Certo, i suoi editoriali mancano al popolo del cartaceo, e anche noi speriamo presto di poter leggere nuovamente i suoi pezzi. Per ora lo ascoltiamo con piacere in tv.