Ripetuti attacchi da più parti sul corridore italiano che riesce a difendere magistralmente la maglia gialla, Mikel Landa rientra nei giochi

La 13ma tappa che parte da Saint Girons e arriva a Foix dopo soli 101 chilometri, è la frazione più corta di questa edizione del Tour. Tuttavia è una tappa da non sottovalutare per i tre GPM di prima categoria che i corridori devono affrontare dopo le fatiche del tappone pirenaico di ieri.

Nel giorno della festa nazionale francese, è proprio un transalpino a conquistare il successo; Warren Barguill in maglia a Pois, che la spunta sulla mini volata con Alberto Contador e Nairo Quintana. Ottima condotta di gara per Fabio Aru bravissimo e lucidissimo nel controllare e a rintuzzare gli attacchi dei rivali.

Il diario della tappa

Data la tappa particolarmente breve, il ritmo è subito indiavolato, dopo numerosi tentaticvi, la fuga che va in porto è quella di Philippe Gilbert, Silvayn Chavanel ed Alessandro De Marchi. Dopo il primo Gpm sul col de Latrape, i tre riescono a guadagnare fino a 1' nella discesa sul gruppo degli inseguitori. E' Alberto Contador (Trek-Segafredo) ad aprire le ostilità seguito immediatamente da Mikel Landa (Team Sky). A rispondere sono Nairo Quintana (Movistar), Michal Kwiatkowski (Team Sky) e Warren Barguil (Team Sunweb) che non riescono a ridurre il minuto di svantaggio dai due battistrada.

Fabio Aru in maglia gialla, si trova senza compagni dopo le sfortunate vicende in cui sono rimasti coinvolti i suoi compagni. Sul Col d’Agnes, non ci sono particolari scossoni, Aru si mantiene agilmente nel drappello dei big a controllare la situazione. Nella successiva discesa, provano l'attacco a sorpresa Froome e Bardet, ma senza riuscire a creare problemi al sardo che intelligentemente sta a ruota senza strafare. Il gruppetto in fuga intanto, mantiene un vantaggio di circa 2’30” sul drappello maglia gialla.

Il finale di tappa

Sulle rampe dell'ultima salita, ci si gioca la tappa: sul Mur de Peguere, Quintana e Barguil riescono a staccare Kwiatkowski riprendendo i due spagnoli al comando, Nel gruppo maglia gialla è Daniel Martin (Quick-Step Floors) a fare l'andatura. A due chilometri dallo scollinamento, è Froome a tentare l'allungo per staccare soprattutto Aru che però tiene benissimo senza cedere di un millimetro. Nella discesa finale, si sono ripetuti diversi tentativi di attacco scomposti e dettati più dalla disperazione che dalla convinzione, ma respinti brillantemente dal sardo che saggiamente tiene la marcatura stretta su Froome. Sul traguardo arriveranno comunque tutti insieme, e solo Yates riuscirà a guadagnare qualche secondo.

Tra i quattro in testa alla corsa è volata con Barguill che nel finale salta Quintana e Contador, che chiudono davanti a Mikel Landa. Il gruppo con Aru, Bardet, Froome e i migliori chiudono a 1'48”. Qualche tensione in casa Sky dove Mikel Landa entra nella fuga iniziale; per diversi chilometri indossa la maglia gialla virtuale, ma la perde a causa del lavoro della squadra a favore di Froome e contro il basco.

SPORTNOTIZIE24 CONSIGLIA...

Ti piace scommettere sul calcio e sullo sport in generale? Noi di Sportnotizie24 consigliamo Bet365! Hai un altro bookmaker? Cambia adesso e fai una prova REGISTRATI ADESSO. Puoi guardare anche gli eventi sportivi in live streaming

Palinsesto delle partite di calcio e degli eventi sportivi di oggi in streaming

DA PC CLICCA QUI           

DA MOBILE CLICCA QUI



 Vuoi scrivere per Sportnotizie24 e ricevere un compenso? Clicca qui!