La squadra di Mimmo Di Carlo si qualifica agli ottavi di finale battendo il Palermo ai calci di rigore, nel prossimo turno sfida al Napoli

Dopo l'Empoli, arriva la seconda vittima illustre nel quarto turno della Coppa Italia. Fa infatti festa lo Spezia che supera il Palermo 5-4 ai calci di rigore e accede agli ottavi di finale dove incontrerà il Napoli. Delusione fra le file rosanero.

LA PARTITA - Come anticipato alla viglia, mister De Zerbi attua un massiccio turnover. In attacco spazio a Quaison supportato da Sallai e Lo Faso sulla trequarti. Anche Di Carlo cambia qualcosa a causa soprattutto degli infortuni. In avanti ci saranno Cisotti e Baez con Mastinu alle spalle.

Nella prima frazione di gioco è lo Spezia a farsi preferire, col Palermo in grande difficoltà. Al 27' i liguri sfiorano il vantaggio, ma la girata a centro area di Cisotti termina di pochissimo sul fondo alla sinistra di Fulignati. Nel finale di tempo quest'ultimo è protagonista sventando in corner un destro dal limite di Migliore.

Nella ripresa, il Palermo prova a fare qualcosa in avanti, con l'inserimento di Diamanti per Lo Faso. Ma è ancora lo Spezia ad avere l'occasione migliore al 70' ancora con Cisotti, ma la sua conclusione è troppo centrale consentendo a Fulignati di respingere. Il Palermo finalmente al minuto 87 si rende pericoloso, ma Sallai da invitantissima posizione colpisce col destro a botta sicura, dopo una bella giocata personale di Hiljemark, mettendo a fil di palo con Chichizola ormai battuto. L'attaccante ungherese al 91' si ripete in negativo: cross di Diamanti dalla trequarti, Chichizola esce in maniera avventata, la palla capita comoda a Sallai che spedice clamorosamente fuori.

Nei supplementari non succede moltissimo, così si va ai rigori. Il Palermo sul 4-3, dopo l'errore di Galli, sbaglia il colpo del ko con Balogh. Chichizola prima para il rigore dell'ungherese, poi segna a sua volta. Infine l'errore di Goldaniga e la trasformazione di Migliore fanno gioire i liguri.

COPPA ITALIA, TURNI E ACCOPPIAMENTI - DATE E ORARI DEL QUARTO TURNO