Il fattore campo ha la meglio in questa gara 1 di semifinali playoff. La Lube rischia grosso trovandosi 2-1 sotto con Modena, Trento perde il primo poi si dimostra grandissima squadra.

Siamo giunti alla resa dei conti. Era da inizio stagione che aspettavamo questo momento con le quattro squadre, indubbiamente le più forti, di gran lunga, del lotto, pronte ad affrontarsi nelle semifinali play-off scudetto.

Si è giocata quest’oggi infatti gara 1 delle sfide di semifinale che mettono di fronte la dominatrice della stagione regolare, e vincitrice della Coppa Italia, Lube Macerata ai Campioni d’Italia in carica  dell’Azimut Modena, mentre l’altra partita vede giocare la Diatec Trentino di Coach Lorenzetti opposta alla Sir Safety Perugia di Mr. Secolo Lorenzo Bernardi.

Alle ore 17,00 all’EuroSuole Forum, è subito grande battaglia tra Lube e Azimut, due squadre che, tra le altre cose, sono davvero ad un passo dal doversi affrontare anche nei quarti di finale di Champions League, visto che entrambe hanno vinto gara 1 in Polonia. Il primo set è Marchigiano, 25-22 il parziale, la risposta emiliana è immediata e, con lo stesso punteggio,  i Campioni d’Italia si aggiudicano il secondo parziale. Nel terzo set, dopo l’inizio in  equilibrio è Modena a trovare l’allungo giusto, e sale fino al +7 sul 20-13 trovando 5 punti in fila che decidono, di fatto, il parziale nonostante il tentativo di rientro da fare della squadra di Coach Blengini che si riporta fino al -3 prima di cedere per 25-20, 2-1 Azimut. Il quarto parziale è un assolo totale della Lube. Dopo un inizio punto a punto la squadra di casa fa il vuoto passando dal 7-7 al 13-7, successivamente 17-9, prima di chiudere sul 25-19 con Modena che, grazie ad una buona serie in battuta, ha provato a riavvicinarsi. Nel tie-break sembra  non esserci storia, la Lube parte fortissimo e, in un attimo, siamo a 7-2. Ngapeth non ci sta e piazza un parziale di 3-0 interrotto da Sokolov, si gira sull’8-5. Nel finale però Civitanova, senza troppe difficoltà e con un ottimo Enrico Cester, riesce a chiudere la gara sul 15-11 e a portarsi 1-0 nella serie tirando un gran sospiro di sollievo dopo aver rischiato tanto. Per la Lube il miglior marcatore è Sokolov, 15 per l’opposto bulgaro, Juantorena ne segna 12. Per Modena grande prova del solito Ngapeth, saranno 31 i suoi punti. Domenica si rigioca a campi invertiti.

Grande equilibrio anche nella sfida delle 18,30 tra Diatec Trentino e Sir Safety Perugia. La squadra umbra, in trasferta ma seguita da un foltissimo gruppo di sostenitori,  parte subito forte dominando il primo  set senza alcun problema chiudendo addirittura sul 25-16. Nel secondo set parte bene invece la squadra padrona di casa con Trento che riesce a prendere subito qualche lunghezza di vantaggio, Perugia riesce a rientrare e superare ma il finale di set sorride questa volta alla Diatec, che mette la situazione in parità con il 25-22. La squadra trentina si dimostra ancora una volta squadra di grande solidità ed intensità, e, entrambe le volte in volata,vince 26-24 nel terzo set e 25-22 nel quarto ,chiude la partita e si porta su un pesantissimo 1-0 nella serie. Perugia resta con grande amaro in bocca visto che, dopo un primo set condotto in scioltezza, non è stata capace di dare il colpo del K.O alla Diatec. Per Trento il miglior realizzatore è Lanza che segna 15 punti, 13 invece per Van De Voorde. Per la Sir Zaytsev ne mette 16 mentre Atnasijevic si ferma solo a 13. Gara 2 sarà giocata sabato pomeriggio prossimo, a campi invertiti.