Il Consiglio del Sei Nazioni ha annunciato l’introduzione di un nuovo sistema di punteggio per il torneo più antico al mondo

Alla fine anche il torneo più antico del mondo si è aperto alle novità. Il Consiglio del Sei Nazioni ha infatti annunciato l’introduzione di un nuovo sistema di punteggio: nell’edizione 2017 saranno assegnati anche punti bonus alle squadre, in base al risultato ottenuto sul campo.

Il nuovo regolamento sarà applicato all’RBS Sei Nazioni, al torneo femminile e a quello maschile Under 20. Per tutte le partite i punti bonus saranno assegnati secondo questi criteri:

1. Alla squadra vincente saranno assegnati quattro punti o (se segna quattro o più mete nel corso della partita) cinque punti;

2. Alla squadra perdente non sarà assegnato alcun punto o (se segna quattro o più mete durante la partita oppure perde con uno scarto pari o inferiore a sette punti) un punto o (se segna quattro o più mete durante la partita e perde con uno scarto pari o inferiore a sette punti) due punti;

3. In caso di pareggio a entrambe le squadre saranno assegnati due punti e, se una della squadre segna quattro o più mete durante la partita, essa riceverà un altro punto;

4. Alla squadra che vince tutte e cinque le partite (e realizza quindi il “Grande Slam”) saranno assegnati altri tre punti.

L’amministratore delegato del Sei Nazioni, John Feehan, ha spiegato così la scelta:

“La tensione e l’entusiasmo dell’ultimo fine settimana del Torneo sono straordinarie proprio perché molto spesso ci sono più squadre a parità di punteggio che si affrontano per conquistare il primo posto in classifica.

È quindi importante per noi assicurare che il sistema di punti bonus adottato non distorca queste dinamiche, che rendono il torneo davvero unico. Sappiamo però anche quanto sia importante premiare le squadre che segnano molte mete e praticano un gioco d’attacco, che si traduce a sua volta in un maggior numero di mete e maggiore interesse e gratificazione per tifosi e giocatori”.