L'allenatore rossoblù ha analizzato le parole di Preziosi e fatto il punto sulla gara contro la Lazio

Finalmente si torna a parlare di calcio giocato in casa rossoblù. Vigilia di Genoa-Lazio in casa rossoblù e dopo la risposta di Preziosi ai rumors su possibili rallentamenti della trattativa, mister Juric ha parlato in conferenza stampa.

Partiamo però dalla fine. Duro e a sorpresa il commento di Juric a fine conferenza sul caso Rigoni e sulle parole del suo procuratore rilasciate qualche giorno fa in merito alla sua esclusione:

"Rigoni era sulla lista di partenza come Cofie. Luca nelle ultime settimane ha saltato quattro allenamenti per dei dolorini che l'anno scorso non ha mai accusato mentre negli altri ha dato il 50%. Posso dire che Rigoni si deve guardare nello specchio prima di parlare come il suo procuratore. Luca ha l'obbligo di allenarsi bene, perché io non guardo in faccia nessuno: Luca e il suo il procuratore devono pensare prima di parlare".

Diverse le assenza contro i biancocelesti, da Bertolacci a Lapadula passando per Pandev. Sulle possibili scelte in attacco Juric si è così esposto:

“Per questa partita ho provato sia Pellegri, sia Galabinov che altre soluzioni. Per Ricci dire che siamo un po' in ritardo con tanti giocatori. E' una cosa negativa ma per il futuro è positivo. Ricci come Centurion si sta allenando e presto li voglio mettere in condizione di far bene. Anche in mezzo al campo ho altre soluzioni”.

Una Lazio che ben ha figurato anche in Europa League. Juric ed il suo staff hanno seguito i romani anche in Coppa:

E' una squadra che ha tutto e direi che ha una rosa fortissima. La squadra di Inzaghi sta attraversando un periodo di forma eccellente, ha un gioco importante ed ha forza fisica. Inzaghi ha una squadra che è tanta roba ed in questo momento mi sembrano alle spalle solo della Juventus”.

Inevitabile un commento da parte di Juric sull’analisi di Preziosi riguardo al primo tempo di Udine e alla sua conferma nella peggior delle ipotesi contro Lazio e Chievo Verona:

Quando succedono cose così è normale che uno ci pensi. La squadra ha fatto due partite ottime a mio giudizio, ha sbagliato mezzora con l'Udinese e parlare di queste cose era senza senso. Preziosi e ha negato la cosa ma uno ci pensa ed a me spiace molto perché a disposizione ho una squadra che non è al massimo, ma sarà molto interessante”.

Il tecnico del Genoa è poi tornato a parlare del possibile modulo e della formazione che potrebbe utilizzare contro la Lazio. Del falso nueve e non solo:

Mi spiace solo non fare allenamenti a porte chiuse a Pegli e noi non riusciamo a fare niente che esce sul giornale. E' una cosa fattibile però. Comunque direi che c’è l'opzione di mettere Taarabt oppure anche altre idee. Abbiamo altri interpreti in rosa che cambiano il modo di giocare in attacco, ma sono tutte situazioni che possiamo provare a mio modo di vedere”.

Omeonga è il principale candidato nel sostituire Bertolacci squalificato. Ecco il pensiero di Juric sull’ex Avellino:

Lui sta inserendo bene e non bisogna mettergli addosso troppa pressione. Sta dando il suo contributo quando è entrato e posso dire che sia lui che Brlek saranno il nostro futuro”.

Mancherà anche probabilmente anche Biraschi come confermato dal tecnico:

Penso che non ci sarà. Abbiamo grande coraggio. In questo momento di difficoltà di formazione Quando finisce la partita faccio un'analisi. Mancano dei punti perché avremo meritato di più e con l'Udinese abbiamo solo fatto una brutta mezzora. Ma In questo momento c'è da stringere i denti e, come gruppo, dare il massimo".

SPORTNOTIZIE24 CONSIGLIA...

Ti piace scommettere sul calcio e sullo sport in generale? Noi di Sportnotizie24 consigliamo Bet365! Hai un altro bookmaker? Cambia adesso e fai una prova REGISTRATI ADESSO. Puoi guardare anche gli eventi sportivi in live streaming

Palinsesto delle partite di calcio e degli eventi sportivi di oggi in streaming

DA PC CLICCA QUI                       

DA MOBILE CLICCA QUI



 Vuoi scrivere per Sportnotizie24? Ecco come entrare a far parte del nostro team - clicca qui