Il tecnico livornese a 360 gradi nella consueta conferenza stampa alla vigilia della sfida di Supercoppa contro la Lazio di Inzaghi

È iniziato il conto alla rovescia per l'attesissima sfida di Supercoppa Italiana tra Juventus e Lazio, in programma allo Stadio Olimpico di Roma nella giornata di domani, domenica 13 agosto.

C'è grandissima attesa per il primo appuntamento ufficiale della nuova stagione di calcio italiano. Massimiliano Allegri contro Simone Inzaghi: una gara che si ripete a pochi mesi dall'ultimo confronto tra le due squadre nella finale di Coppa Italia vinta dalla Juventus. La Vecchia Signora tenterà certamente di ripetersi anche in supercoppa, ma per farlo dovrà passare su una Lazio assai agguerrita e desiderosa di riscatto. Come di consueto alla vigilia di ogni sfida, il tecnico livornese ha introdotto quella che sarà la gara di domani, trattando svariati argomenti, e sciogliendo gli ultimi dubbi legati alla formazione:

Riguardo agli obiettivi prefissati Allegri afferma: "Dobbiamo avere la forza di centrare gli obiettivi. Significa arrivare a marzo, sapendo di poter lottare ancora per Champions, campionato e Coppa Italia. Quello che è stato fatto rimane nella storia, scritto sui muri. Ma si riparte tutti da zero punti in campionato e in Champions. Il valore della squadra non si perde in una settimana, valori ben delineati di giocatori e squadra, momenti di difficoltà ce ne saranno e li affronteremo".

Sulla Supercoppa e la Lazio"Lazio ottima squadra, ben organizzata con giocatori di buona qualità. Non andrà sottovalutata, ma la forza della Juventus sarà sempre e dovrà essere quella di giocare sempre con la stessa intensità. Giocare questa partita a Natale vuol dire che arrivi lì condizionati per diffide o squalifiche. Meglio ora, a maggior ragione serve testa per portarla a casa".

Si parla poi di nuovi arrivati"Quando i nuovi arrivano alla Juventus, giovani, devono fare un percorso. Bisogna capire dove sono arrivati, che mondo è la Juventus. Capire che ogni palla che giocano qui è fondamentale. I giovani devono seguire gli esempi di Buffon, Chiellini, Mandzukic...".

Sulla formazione che scenderà in campo domani Allegri chiarisce, lasciando comunque qualche mistero"Ho ancora tre o quattro dubbi, sarà un casino per voi. Gigi gioca, Higuain, Dybala e Mandzukic giocano".

Infine, l'ex Milan fa anche autocritica e chiarisce ancora una volta la questione Cardiff: "Io non sono un valore aggiunto. Se hai giocatori forti, devi essere bravo a non fare danni. Se hai squadre meno forti, è difficile vincere. Dopo Cardiff dovevo capire se avessi ancora motivazioni e forza di andare avanti. Mi son reso conto di avere davanti a me una stagione e un futuro ancora importante. Durante l'estate si parla tanto, non si gioca e quindi si parla. La Juve ha fatto numeri impressionanti, le due finali perse portano amarezza però bisogna essere anche contenti perché non capita tante volte di arrivare in finale di Champions: la Juve l'ha fatto due volte, sicuramente poteva fare meglio. Serve voglia e non rabbia".

SPORTNOTIZIE24 CONSIGLIA...

Ti piace scommettere sul calcio e sullo sport in generale? Noi di Sportnotizie24 consigliamo Bet365! Hai un altro bookmaker? Cambia adesso e fai una prova REGISTRATI ADESSO. Puoi guardare anche gli eventi sportivi in live streaming

Palinsesto delle partite di calcio e degli eventi sportivi di oggi in streaming

DA PC CLICCA QUI                       

DA MOBILE CLICCA QUI



 Vuoi scrivere per Sportnotizie24? Ecco come entrare a far parte del nostro team - clicca qui