WRC, Rally del Messico: Ogier vince ma gli occhi sono tutti per il ritorno di Loeb

Torna al volante della Citroen il pilota più titolato della storia, piazzandosi quinto; male le Toyota

Ogier alla guida della sua Ford - Pagina Facebook WRC

Ogier alla guida della sua Ford - Pagina Facebook WRC

E' tornato Sebastien Loeb, come l'ultima volta, sempre al volante della sua Citroen, regalando emozioni forti agli amanti del WRC. Dopo gli ultimi anni di inattività dove ha tentato l'avventura nella Dakar, un secondo posto nel 2017 con la Peugeot, in Messico non sfigura affatto e conquista anche una prova speciale.

Venerdì ottimo per Sordo

Si aprono le danze quando in Italia è ancora giovedì notte, con lo shakedown vinto da Neuville; la prima vera prova è la Ps2 di ben 26 km con Meeke su Citroen che si piazza in testa davanti a Sordo, Loeb e Ogier. La terza speciale è di 31 km e se la aggiudica Sordo con la Hyundai con ben 11 secondi su Evans (Ford) e ancora Meeke; in difficoltà fin da subito i finlandesi Suninen (Ford), Latvala e Lappi (Toyota) già distanti 40 secondi. La PS4 ancora a Sordo davanti a Loeb, con Evans che abbandona i sogni di gloria prendendo due minuti di distacco; nella ps6 è Suninen ad uscire di scena, mentre Sordo conferma la sua leadership. L'ultima prova di giornata regala il successo dell'uomo più atteso, Loeb, che si porta secondo nella generale a 14 secondi da Sordo; dopo il deludente rally di Svezia ancora qualche problema per Ogier sesto a 35 secondi mentre Neuville ottavo a 1 minuto e mezzo.

Ogier domina il sabato

La seconda giornata si apre con la vittoria ex aequo per Loeb e Tanak, con Sordo che perde 7 secondi, mentre Lappi causa errore esce di scena; nella PS10 altra vittoria con lo stesso tempo sempre di Tanak e di Ogier al primo acuto messicano, Loeb si conferma ai vertici, mentre esce di scena anche il terzo pilota finlandese, Latvala: week end nero per le Toyota che sono rimaste col solo Tanak a lottare per i punti. Nella PS11 Loeb vince e sorpassa Sordo nella generale, prendendosi il primo posto momentaneo, continuando a stupire; il disastro Toyota si completa con i quasi 3 minuti accumulati da Tanak, che rimane sesto nella generale grazie a Neuville in un momento no e alle disgrazie dei tre finlandesi. Nella PS14 vince Ogier che complice le disavventure degli avversari si ritrova primo: Loeb prende due minuti mentre Sordo più di 30 secondi; ora primo Ogier con 4 secondi su Meeke, che però ne prende 30 nella PS15 ancora vinta da Ogier. Il campione in carica francese fa 4 di fila anche con la PS16, l'ultima del sabato, per accomodarsi in cima alla classifica dovendo amministrare i 40 secondi di vantaggio su Meeke domenica.

Power stage vinto da Tanak

Nelle prime tre speciali di giornata non succede praticamente nulla data la brevità del percorso, meno di 10 km totali sommandole tutte e tre; si inizia a far sul serio con la PS20 terz'ultima prova di questo rally ad eliminazione: vince il redivivo Latvala su Ogier e poi Sordo; il campione francese ipoteca ormai il successo messicano, mentre il rivale numero 1, Neuville, fatica ancora e paga 30 secondi. La PS21, l'ultima prima del decisivo power stage, è di 11 km e non sposta di molto gli equilibri, dato anche il fatto che ormai nella generale le posizioni sono abbastanza sgranate con distacchi importanti; per la cronaca è una doppietta Toyota con Tanak e Latvala che nella generale sono ormai molto indietro dati i problemi del sabato. Il power stage chiude così il Rally del Messico ed a vincerlo è Tanak con la Toyota prendendo 5 punti in classifica che evitano lo zero. A soli 4 decimisi piazza Ogier che fa un gran colpo in ottica campionato, mentre Latvala arriva terzo riscattando anche lui una brutta tappa della casa giapponese; quarto Neuville e quinto Mikkelsen per una Hyundai mai in lotta per la vittoria.

CLASSIFICA Generale

  1. OGIER-Ford

  2. SORDO-Hyundai +1:13,6

  3. MEEKE-Citroen +1:29.2

  4. MIKKELSEN-Hyundai +1:48.4

  5. LOEB-Citroen +2:34.6

  6. NEUVILLE-Hyundai +9:13.6

  7. TIDEMAND-Skoda +10:34.7

  8. LATVALA-Toyota +15:47.2

  9. GREENSMITH +17:19.3

  10. HELLER +24:28.1

CLASSIFICA MONDIALE

  1. OGIER 60

  2. NEUVILLE 51

  3. MIKKELSEN 34

  4. MEEKE 32

  5. LATVALA 30

  6. TANAK 26

  7. LAPPI 23

  8. BREEN 20

  9. SORDO 18

  10. LOEB 10



News correlate

Torna su