William Hill IT Italiano

Lleyton Hewitt torna in campo agli Australian Open: storia di un campione che ha fatto discutere

Il tennista australiano che si era ritirato da un anno e mezzo, fa un passo indietro e torna a giocare in doppio.

Lleyton Hewitt torna in campo agli Australian Open: storia di un campione che ha fatto discutere

Sono ormai trascorsi quasi due anni dal momento del ritiro di Lleyton Hewitt dai campi da tennis: eravamo nel gennaio del 2016 e l’ex numero uno del mondo partecipava a quello che sarebbe dovuto essere l’ultimo torneo della sua carriera, almeno da singolarista. Lo giocava in casa, agli Australian Open, in quella Rod Laver Arena che tante volte lo aveva acclamato. Al termine della sfida di secondo turno, persa 6-2, 6-4, 6-4 contro lo spagnolo David Ferrer, a Lleyton Hewitt è scesa una lacrima nel salutare i suoi tifosi: “Per me la Rod Laver Arena era come una seconda casa. È stato un immenso orgoglio rappresentare l'Australia. È stata una grande fortuna chiudere qui: un viaggio lunghissimo e bellissimo e credo che sia il momento perfetto per smettere".

IL NUMERO 1 PIU’ GIOVANE DELLA STORIA – Il nome di Lleyton Hewitt resterà per sempre impresso nella storia del tennis: il giocatore australiano infatti – vincitore di due titoli Slam, vale a dire gli Us Open del 2001 sconfiggendo Pete Sampras in finale e Wimbledon 2002, battendo Nalbandian – è diventato il più giovane numero 1 della storia Atp. Quando è riuscito a salire in cima alla classifica mondiale infatti - 19 novembre 2001 - Hewitt aveva solo 20 anni e 8 mesi e tutta la carriera davanti. Nei suoi anni di massimo splendore agonistico, Lleyton ha fatto discutere molto gli appassionati per i suoi comportamenti in campo: c’era chi lo amava per la sua voglia di lottare fino all’ultimo quindici, fino a quando aveva anche solo una minima possibilità di portare a casa il match. C’era però anche chi non lo stimava per le sue esultanze sfrenate in campo, per quei ”C’mon” urlati e quei pugnetti mostrati anche di fronte agli errori degli avversari. Con ogni probabilità sia chi amava Lleyton sia chi lo odiava sportivamente, aveva delle motivazioni valide per farlo: di certo si tratta di uno dei più grandi fighter della storia del tennis, un incredibile lottatore da fondo campo, dotato di una solidità sbalorditiva e capace di risposte eccellenti, passanti fulminanti e lob millimetrici. Dall’altro lato, pur essendo un professionista impeccabile, di certo non brillava per la simpatia che mostrava in campo.

HEWITT TORNA IN CAMPO - 30 successi Atp, dei quali 8 nella sua amata Australia e 2 titoli del grande Slam: questo era il Palmares del campione australiano al momento del ritiro, una bacheca che però Lleyton potrebbe tornare ad arricchire. Hewitt infatti ha deciso di tornare in campo e a 18 mesi dal ritiro – l’ultima apparizione lo aveva  visto protagonista del doppio con Jordan Thompson a Wimbledon nel 2016 – sarà presente ai nastri di partenza  degli Australian Open, il primo Slam della stagione. L’ex numero uno del mondo giocherà il doppio con il connazionale Sam Groth, che appenderà la racchetta al chiodo dopo la conclusione del torneo di casa. Intervenuto a proposito del suo ritorno in campo, Hewitt ha dichiarato: “Mi divertirò sicuramente. Ci siamo allenati tanto, non faremo solo numero". Lleyton dunque, nonostante la lunga assenza dai campi da gioco, non sembra aver perso quella voglia di lottare e quella grinta che lo hanno accompagnato nel corso di tutta la carriera.

SPORTNOTIZIE24 CONSIGLIA...

Ti piace scommettere sul calcio e sullo sport in generale? Sportnotizie24 consiglia Bet365 che offre anche più di 100.000 eventi in live streaming all'anno, quindi puoi scommettere mentre guardi l'evento e mentre l'azione si svolge (il gioco è vietato ai minori di anni 18 - Gioca responsabilmente). Ogni evento sul sito web di bet365 che ha l'icona Play o Video accanto ad esso è programmato per essere mostrato tramite Live Streaming. REGISTRATI ADESSO SU BET365

Palinsesto delle partite di calcio e degli eventi sportivi di oggi in streaming

DA PC CLICCA QUI                       

DA MOBILE CLICCA QUI



News correlate

Torna su