Argentina, caos dopo la sconfitta con la Croazia: Messi e Mascherano contro Sampaoli

Spuntano i primi retroscena sul fallimentare Mondiale dell'Argentina, con il caos nello spogliatoio dopo la debacle contro la Croazia

Una delle più grandi delusioni del Mondiale di Russia è stata sicuramente l'Argentina, che alla vigilia era data tra le favorite ad arrivare fino in fondo alla competizione. L'Albiceleste si è qualificata in extremis agli ottavi di finale, battendo la Nigeria all'ultima giornata, per poi essere eliminata dalla Francia al turno successivo. E proprio un dato risalta all'occhio della squadra di Jorge Sampaoli: una sola vittoria in quattro partite. Troppo poco per una squadra che aveva in rosa giocatori del calibro di Lionel Messi, Sergio Aguero, Javier Mascherano, Gonzalo Higuain e Paulo Dybala.

Burdisso e quella lite con Messi.

ARGENTINA, DEBACLE CONTRO LA CROAZIA

La goccia che ha fatto traboccare il vaso in casa Argentina è stata la sconfitta subita alla seconda giornata contro la Croazia. La squadra di Dalic non solo si è imposta con un rotondo 3-0, ma non ha mai dato l'impressione di andare in difficoltà contro i sudamericani. Un match che ha fatto finire al centro delle critiche non solo il commissario tecnico, Jorge Sampaoli, ma anche il fuoriclasse del Barcellona, Lionel Messi, secondo molti schiacciato dalle pressioni. Quest'ultimo non ha mai inciso per l'intero Mondiale, se non nella partita contro la Nigeria con la rete del momentaneo 1-0.

CAOS NELLO SPOGLIATOIO

Spuntano i primi retroscena sul Mondiale dell'Argentina. Al termine del match contro la Croazia, infatti, stando a quanto riportato dal giornalista di Tyc Sports, Ariel Senosiain, è scoppiato un vero e proprio caos. Con un piede fuori dal Mondiale i due leader dello spogliatoio, Lionel Messi e Javier Mascherano, hanno chiesto un incontro con il ct Jorge Sampaoli e con il suo staff tecnico. In quell'incontro i due giocatori hanno fatto intendere di non fidarsi più delle scelte dell'allenatore: "Non facciamo quello che dici. Noi non ci fidiamo, vogliamo dare il nostro parere", avrebbero detto i due leader a Sampaoli, che ha ribattuto: "Parere su cosa?", con i due che hanno risposto di voler dire la loro su tutto. Messi ha poi preso parola chiudendo ogni discorso: "Mi ha chiesto dieci volte quali giocatori far giocare e quali no. E io non ti ho mai fatto un nome. Dillo davanti a tutti se ho mai fatto un nome al riguardo".

TI PIACE SCOMMETTERE SUL CALCIO? USA WILLIAM HILL E PRENDI IL BONUS INIZIALE

LA DISPERAZIONE DEI TIFOSI ARGENTINI

Tutta la disperazione dei tifosi dell'Argentina dopo l'eliminazione dal Mondiale.



News correlate

Torna su