Betis Siviglia, il trasferimento di Rafinha è saltato per un motivo

Il fantasista brasiliano sembrava destinato al Betis Siviglia in questa sessione di mercato ma il trasferimento è saltato negli ultimi giorni

Uno dei giocatori più chiacchierati nell'ultima sessione di calciomercato è stato sicuramente il fantasista brasiliano del Barcellona, Rafinha Alcantara. Tornato dal prestito di sei mesi all'Inter, il giocatore si è messo in luce nel precampionato tanto che sembrava aver convinto il tecnico dei blaugrana, Valverde, a puntare su di lui. In realtà i catalani avevano deciso di cederlo al Betis Siviglia, ma alla fine il trasferimento è saltato negli ultimi giorni di mercato, quando tutto sembrava essere stato definito.

RAFINHA E IL MANCATO TRASFERIMENTO AL BETIS

Rafinha Alcantara sembrava essere destinato al trasferimento al Betis Siviglia. Il club sembrava vicino ad un accordo con il Barcellona ma a far saltare tutto è stata la volontà del brasiliano, che non voleva legarsi a lungo con il Betis, come ammesso dal presidente del club, Angelo Haro, che ha spiegato come la prima scelta fosse Lo Celso, prima di cercare di acquistare l'ex Inter:

"La nostra prima scelta era Gio Lo Celso. Un giocatore per completare il centrocampo. Ma il PSG voleva un obbligo di riscatto significativo. Così abbiamo valutato l’opzione Rafinha, ci piaceva. Abbiamo convinto il Barcellona, il giocatore premeva per venire. Ma ciò che è accaduto è che il giocatore non ha voluto impegnarsi a lungo termine. Avere un’opzione per l’acquisto con il Barcellona e non avere l’accordo con il giocatore corrisponde a non avere praticamente nulla in mano. È quello che è successo 48 ore prima della chiusura del mercato. Il giorno 31 è stato un po’ difficile".

NUOVO TENTATIVO DELL'INTER

Con il contratto in scadenza a giugno 2020, a gennaio il Barcellona potrebbe aver fretta di cedere Rafinha. Il brasiliano non era stato riscattato dall'Inter a causa dei paletti imposti dalla Uefa con il Fair Play Finanziario. Nella prossima sessione di calciomercato, però, i due club potrebbero tornare a trattare per il fantasista e potrebbero farlo ad una cifra inferiore ai 38 milioni di euro pattuiti lo scorso anno. Molto dipenderà anche dal cammino in Champions League dei nerazzurri che, con il passaggio del turno, potrebbero avere una liquidità maggiore per tentare l'assalto al giocatore. Rafinha, infatti, non ha mai nascosto la propria volontà di voler tornare a Milano dopo i sei mesi trascorsi da gennaio a giugno.

TI PIACE SCOMMETTERE SUL CALCIO? USA WILLIAM HILL E PRENDI IL BONUS INIZIALE



News correlate

Torna su