Al-Khelaifi non ci sta: 'Tebas lasci stare Psg, Inter e City' e l'accusa al Real Madrid: 'Neymar contattato dietro le quinte'

Il patron del Paris Saint Germain ha attaccato il presidente della Liga spagnola e accusato il club madrileno per i contatti con il fuoriclasse brasiliano

Hanno fatto molto discutere le parole del presidente della Liga Spagnola, Javier Tebas, che nelle scorse settimane ha attaccato le proprietà di Paris Saint Germain, Inter e Manchester City, colpevoli a suo avviso di usare dei trucchetti per attirare i grandi campioni nei propri club. Dichiarazioni arrivate dopo il tormentone Luka Modric, che secondo il patron del Real Madrid, Florentino Perez, sarebbe stato contattato dall'Inter con un'offerta fuori mercato visti i paletti del Fair Play Finanziario che dovrebbero limitare i nerazzurri fino a giugno 2019. Anche il Psg è finito al centro delle polemiche per non rispettare il FFP, aggirandolo con la propria proprietà, soprattutto per l'affare Neymar.

AL-KHELAIFI RISPONDE A TEBAS

Il patron del Paris Saint Germain, Nasser Al-Khelaifi, non ci sta e risponde alle accuse del presidente della Liga, Javier Tebas. In una lunga intervista rilasciata a Marca, infatti, lo sceicco ha commentato le accuse sulla violazione del Fair Play Finanziario:

"Si tratta di voci che provengono principalmente dalla Spagna e tutti sappiamo da dove provengono. Ma a noi non importa cosa dicono, siamo calmi. Sappiamo che abbiamo fatto bene e in conformità con la legge. Abbiamo venduto giocatori per un importo record e la verità è che ci concentriamo sui nostre e speriamo che ci lascino lavorare".

Le accuse sulla proprietà: "Non ho mai parlato di Tebas alle sue spalle e lui lo fa. L’ultima volta che abbiamo parlato, ero stato molto chiaro con lui. È meglio dire le cose in faccia. Attacca il mondo intero, City, Inter, PSG. Che si occupi dei suoi affari, LaLiga e dei suoi club, e ci lasci lavorare. Non deve preoccuparsi perché non siamo contro LaLiga. Lasci tranquilli noi e anche gli altri".

L'ATTACCO AL REAL MADRID

Al-Khelaifi è un fiume in piena e attacca anche il Real Madrid, reo di aver avuto contatti con il fuoriclasse brasiliano, Neymar. Proprio il club spagnolo che aveva denunciato l'Inter alla Fifa per aver fatto la stessa cosa con Luka Modric (denuncia finita nel vuoto visto che il giocatore ha ammesso di essere stato lui a contattare i nerazzurri). Queste le parole dello sceicco:

"Devo essere onesto e le voci sull'interesse del Real Madrid per Neymar sono un po’ frustranti, perché non è giusto che altri club o chiunque altro parli con i nostri giocatori. Non ci piace per niente e ne abbiamo parlato con il Real Madrid. Abbiamo una rapporto buono e loro rispettano il PSG, perlomeno spero che sia vero. Noi rispettiamo il Real Madrid e il suo presidente, Florentino Perez, ma penso che sia importante per tutti noi non lavorare dietro le quinte. Non so se sono stato chiaro. Colpirsi a vicenda non è il metodo con cui funziona il PSG e spero che altri club non ci facciano questo".

TI PIACE SCOMMETTERE SUL CALCIO? USA WILLIAM HILL E PRENDI IL BONUS INIZIALE



News correlate

Torna su