Tebas insiste e rincara la dose: 'Il Psg firma sponsorizzazioni false'

Il presidente della Liga Spagnola ha attaccato nuovamente il Paris Saint Germain e il Manchester City sulla questione sponsor

Da qualche mese il presidente della Liga Spagnola, Javier Tebas, ha intrapreso una campagna contro le proprietà di Paris Saint Germain e Manchester City dopo i tanti trasferimenti multi milionari. Nel mirino la scorsa estate è finita anche l'Inter dopo il tentativo di portare a Milano Luka Modric, con un ricco contratto offerto da Suning, che prevedeva quattro anni con la maglia nerazzurra e altri due anni con la maglia dello Jiangsu, l'altro club di cui è proprietario Suning in Cina, per un ingaggio vicino ai 10 milioni di euro a stagione. Insinuazioni che, però, non hanno mai trovato alcun riscontro, con la Uefa che ha sempre ignorato queste accuse.

TEBAS E L'APPELLO ALLA FIFA

Javier Tebas è tornato ad attaccare Paris Saint Germain e Manchester City sulla questione sponsorizzazioni, chiedendo l'intervento della Uefa. In una lunga intervista rilasciata al Daily Mail, il presidente della Liga Spagnola ha sottolineato come ci sia bisogno di maggiore controllo:

"Quello che mi preoccupa è il fatto che non vengono posti limiti nel mercato. L’Unione Europea non può sanzionare il PSG perché appartiene al Qatar: deve intervenire l’Uefa, ci siamo lamentati direttamente con loro. Il PSG firma sponsorizzazioni false, le quantità economiche non sono reali. Imbroglia, non c’è niente di nuovo, l’ho già detto. Una finale di Champions tra City e PSG? Dovrebbero giocarla a Dubai o in Quatar. Ma questo non mi preoccupa: mi preoccupa quello che sta succedendo nell’industria calcistica. Possono raggiungere la finale anche senza imbrogliare: sono grandi club".

IL PATRON DEL PSG NON CI STA

Il patron del Paris Saint Germain, Nasser Al-Khelaifi, aveva risposto già un mese fa alle accuse di Javier Tebas, sottolineando come si sentisse tranquillo avendo rispettato le regole:

"Si tratta di voci che provengono principalmente dalla Spagna e tutti sappiamo da dove provengono. Ma a noi non importa cosa dicono la verità, siamo tranquilli. Sappiamo che abbiamo fatto bene e nel rispetto delle norme. Abbiamo venduto giocatori per un importo record e la verità è che ci concentriamo su di noi. Non mi piacciono le persone che non sono oneste, che sembrano amici e poi parlano alle spalle. Non mi piacciono i club che parlano alle nostre spalle e questo è ciò che sta accadendo".

TI POTREBBE INTERESSARE..

BOOKMAKER AAMS MIGLIORE PER SCOMMETTERE SULLA SERIE A

GUIDA SCOMMESSE COMPLETA E AGGIORNATA

BOOKMAKER NON AAMS (RESIDENTI ALL'ESTERO)



News correlate

Torna su