Spalletti cambia l’Inter e prepara un sorprendente tandem d’attacco

Il tecnico nerazzurro prepara la formazione da mandare in campo sabato sera contro il Genoa con una possibile sorpresa in attacco

Spalletti cambia l’Inter e prepara un sorprendente tandem d’attacco

Il tecnico dell’Inter, Luciano Spalletti, ha cominciato a cambiare qualcosa nell’Inter e i primi risultati si sono cominciati a vedere già domenica, con la vittoria sul Bologna per 2-1 che ha permesso ai nerazzurri di balzare al terzo posto, a 48 punti, superando la Lazio, rimasta a 46 punti dopo la sconfitta contro il Napoli e superata anche dalla Roma che, dopo aver battuto il Benevento è salita al quarto posto a 47 punti. Domenica ad essere escluso, un po’ a sorpresa, è stato l’esterno della nazionale italiana, Antonio Candreva, a discapito di Yann Karamoh, che ha ripagato la fiducia del proprio allenatore con una grandissima prestazione e con il gol vittoria. 


pubblicita'

L’allenatore, però, si appresta a nuovi cambiamenti in vista dell’anticipo che si giocherà sabato sera, alle ore 20:45 allo stadio Ferraris di Genova, contro il Genoa. L’allenatore, contro il Bologna ha già sperimentato Ivan Perisic come interno di centrocampo, spiegando ai microfoni dei cronisti nel post partita come questa mossa possa avvantaggiare il croato, che così avrebbe meno metri da percorrere per arrivare al tiro in porta.

Le soluzioni contro il Genoa                              

La prima soluzione di Spalletti contro la squadra di Ballardini è sempre il classico 4-2-3-1, ma con alcuni cambiamenti, come l’esclusione del centrocampista spagnolo, Borja Valero, che ha dimostrato di non essere al top della forma nelle ultime partite. Sulla trequarti la soluzione c’è e risponde al nome di Rafinha Alcantara, giocatore arrivato in prestito dal Barcellona e che domenica ha dato una svolta al match dopo essere entrato al posto di Brozovic. Il croato resterà fuori dopo la brutta reazione avuta in seguito alla sostituzione di domenica e, quindi, davanti alla difesa dovrebbe esserci spazio al duo composto da Gagliardini e Vecino. In difesa ci sarà il ballottaggio tra Lisandro Lopez e Ranocchia dopo l’infortunio subito da Joao Miranda, che tornerà a disposizione nel derby di Milano contro il Milan del 4 marzo a causa dell’elongazione all’adduttore subita contro il Bologna.

L’altra soluzione provata da Spalletti è il 4-3-1-2, con il ritorno in attacco di Mauro Icardi, assente contro Bologna e Crotone. Al suo fianco, però, potrebbe non esserci l’attaccante italo brasiliano, Martins Eder, autore di due gol nelle due partite in cui ha sostituito il capitano nerazzurro, bensì Karamoh, libero di svariare su tutto il fronte d’attacco. L’impiego dell’ex Caen dal primo minuto, infatti, renderebbe lo schieramento tattico più flessibile a cambiamenti anche a partita in corso. Con questo modulo andrebbe a giocare da interno, dunque, Perisic o, se non dovesse recuperare dalla distorsione alla spalla, Antonio Candreva, che in quel ruolo ha già giocato con la maglia di Livorno e Juventus. Davanti alla difesa spazio a Gagliardini, pronto a riprendersi una maglia da titolare dopo la brutta prova offerta contro la Roma il 21 gennaio. Queste, dunque, le due ipotesi di formazione per sabato:

Inter (4-2-3-1): Handanovic, Joao Cancelo, Lisandro Lopez, Skriniar, D’Ambrosio, Gagliardini, Vecino, Candreva, Rafinha, Perisic, Icardi.

Inter (4-3-1-2): Handanovic, Joao Cancelo, Lisandro Lopez, Skriniar, D’Ambrosio, Vecino, Gagliardini, Perisic, Rafinha, Icardi, Karamoh.

Ti potrebbe interessare...

Spalletti: "Eder e Icardi insieme? Si può, ma..."



News correlate

Torna su