William Hill IT Italiano

Gasperini contro l'Inter: "Quella mica era una grande squadra. Qui mi sento importante"

Gian Piero Gasperini è il 'Ferguson' dell'Atalanta, ma non dimentica il suo passato in panchina con Inter e Genoa

Gasperini contro l'Inter: "Quella mica era una grande squadra. Qui mi sento importante"

Gian Piero Gasperini si sta prendendo delle piccole rivincite alla guida dell'Atalanta, dove grazie al suo intuito di far subito giocare le giovani stelle, ha riportato entusiasmo ai tifosi che sostengono la Dea. I nerazzurri sabato contro il Crotone hanno fatto un piccolo passo indietro, anche se l'ottavo posto in classifica  dimostra ancora quanto di buono fatto in questa stagione, con la squadra del Gasp in piena corsa per l'Europa.

E giovedì prossimo, a proposito di notti europee, gli orobici sono chiamati all'impresa sul campo del Borussia Dortmund (dove vedere in tv il match di Europa League) per l'andata dei sedicesimi di finale in programma il 15 febbraio alle ore 19:00.

Gasperini ha ancora qualche sassolino da togliersi

A due giorni dalla gara di Europa League, Gian Piero Gasperini, è stato intervistato dal giornale di Torino "Tutto sport", dove svela alcuni passaggi della sua carriera, tra cui anche quando è stato alla guida dell'Inter, che detto dallo stesso allenatore non era tra le grandi: "Allenare una big? Non mi ricordo di essere mai stato in una grande squadra. L'Inter? Quella mica era una grande squadra, almeno come valori tecnici. Allenare all'estero? Non amo molto quel tipo di esperienza, io sto bene in Italia, nel mio mondo. Per espatriare dovrebbe arrivare qualcosa di davvero importante. So che gli allenatori italiani ovunque vadano fanno bene. La nostra scuola è la migliore anche perchè il nostro campionato è il più difficile".

La passata stagione la sua Atalanta è stata paragonata al Leicester, dando l'immagine di un gioco giovane e fresco. Oggi Gasperini può giocarsi il passaggio in Europa League addirittura contro il Borussia Dortmund per un passaggio storico, proprio per questo la Dea ha tutta l'intenzione di giocarsela a testa alta. Gasperini si gode questo momento magico, ma non dimentica il passato a Genoa, dove ha fatto conoscere le sue qualità da allenatore: "A Bergamo sto facendo cose che avevo già fatto al Genoa, ma senza riconoscimenti mediatici. Qui ho un 'riitorno' molto importante, a Genova mi stimavano solo i tifosi, mentre qui sento una grande considerazione e l'entusiamo della gente".




News correlate

Torna su