Dodò lascia la Sampdoria: andrà in prestito al Santos

Il terzino brasiliano ex Roma e Inter ha collezionato appena 26 presenze in tre stagioni con la maglia della Sampdoria, adesso una nuova avventura

Non una grandissima esperienza in Italia quella di José Rodolfo Pires Ribeiro Dodò, meglio noto come Dodò. Il brasiliano, ora in forza alla Sampdoria, sta per lasciare la Serie A e tornare in patria per giocare con la maglia del Santos e ritrovare minuti e fiducia nei propri mezzi. Quella che ha perso nel corso delle sue esperienze italiane, prima alla Roma, poi all'Inter e infine alla Sampdoria. Il terzino sinistro di Campinas, in questa stagione non ha raccolto nemmeno una presenza, con Marco Giampaolo che non è riuscito nell'impresa di rendere Dodò all'altezza della situazione, mai ambientatosi in una difesa a 4.

Così, col mercato ancora aperto in Brasile, nelle ultime ore il Santos e la Sampdoria stanno trattando per arrivare ad un accordo che soddisfi tutte le parti in causa. Le due società stanno trattando sulla base di un prestito fino a dicembre 2018, con diritto di riscatto a favore del Santos. Una trattativa che procede spedita e che dovrebbe avere la fumata bianca a stretto giro di posta. Dodò non rientra più nei piani dei blucerchiati, che lo avevano acquistato dall'Inter nel gennaio del 2016 in prestito secco, prima di trasformarlo nell'estate successiva in prestito biennale con obbligo di riscatto a 5 milioni di euro. Adesso questa nuova avventura in Brasile ormai alle porte, con Dodò che vuole tornare ad essere protagonista.

ROMA - Infatti, per il 26enne verdeoro, la sua esperienza in Serie A non è stata soddisfacente. E' arrivato in Italia nel luglio del 2012, acquistato dalla Roma a parametro zero e reduce da un grave infortunio rimediato al ginocchio quando vestiva la maglia del Corinthians. Dopo il lungo recupero, Dodò colleziona 15 presenze totali, prima di riuscire ad imporsi con più convinzione nella stagione successiva con 20 presenze.

INTER - Poi arriva la chiamata dell'Inter che lo acquista nel 2014 in prestito biennale con obbligo di riscatto alla prima presenza ufficiale del giocatore per un totale di 9 milioni di euro. Anche con i nerazzurri poca fortuna, anche se nella prima stagione raccoglie 28 presenze totali, segnando anche due reti in Europa League. Ma un infortunio al ginocchio nel marzo del 2015, lo stesso di quello già operato in precedenza, lo ferma ancora, tornando a giocare in partite ufficiali solo a dicembre del 2015. Infine il passaggio alla Sampdoria e poche presenze, 26 in quasi tre stagioni. Dodò ha voglia di ripartire, il Santos e il Brasile lo aspettano.




News correlate

Torna su