Juventus, dopo il crollo in Champions punta su Ancelotti: le ultime

In casa Juventus è arrivato il momento di pensare al futuro, tra gli addii c'è anche quello di Massimiliano Allegri?

Agnelli, Nedved e Paratici, dirigenza Juventus - Photo Image

Agnelli, Nedved e Paratici, dirigenza Juventus - Photo Image

La Juventus di Massimiliano Allegri viaggia verso il settimo scudetto consecutivo, il quarto della sua gestione. Il Napoli è distante di quattro lunghezze e dopo il passo falso contro il Sassuolo, ha dimostrato di non essere pronto. Nonostante i bianconeri stanno dimostrando ancora una volta la loro forza in Serie A, i tifosi non sono contenti. Pesante infatti è stata la sconfitta per 3-0 a Torino inflitta dal Real Madrid. Risultato che ha quasi sancito l'eliminazione dalla massima competizione europea. Per questo la dirigenza potrebbe pensare di tagliare i rapporti con il tecnico livornese.

Rivoluzione in casa Juventus?

Dopo la pensante sconfitta in Champions League contro il Real Madrid, in casa Juventus sono ore di riflessione, dove si starebbe pensando al futuro. In rosa ci sono tanti giocatori al termine della loro carriera, come Barzargli e Buffon, entrambi in campo contro la squadra di Zidane. Poi ce ne sono altri che hanno deluso le aspettative, come l'argentino Dybala che ancora una volta è stato bocciato proprio all'esame più atteso. Sulla sconfitta in Europa, infatti, pesa anche la sua espulsione verso la fine del secondo tempo.

La Juventus ci prova per Carlo Ancelotti

La dirigenza della Juventus è in attesa di capire come finirà la stagione, con il primo obiettivo che ormai è stato compromesso. Secondo le ultime voci di mercato, la società piemontese si starebbe muovendo per riportare a Torino Carlo Ancelotti. L'ex tecnico del Milan è ancora senza ingaggio dopo l'esonero dal Bayern Monaco. Il suo nome è stato più volte accostato sulla panchina dell'Italia, anche se King Carlo non ha mai nascosto il suo desiderio di provare una nuova avventura in Premier League. I bianconeri intanto sondano il terreno per riportarlo in Italia.

Ricordiamo che nel lontano 1999, Ancelotti subentrò a Marcello Lippi sulla panchina della Juventus. Ci restò per due anni e ottenne due secondi posti dietro Lazio e Roma. Nonostante tutto non riuscì a creare nessun legame con l'ambiente bianconero.

Riedle: "Ancelotti al Bayern tradito dai senatori"

L'ex attaccante di Lazio e Borussia Dortmund parla dei motivi dell'esonero di Ancelotti al Bayern Monaco.



News correlate

Torna su