Napoli, prende quota il nome di Ancelotti per il dopo Sarri: la conferma

Il Napoli ha visto sfumare il sogno scudetto, De Laurentiis ha grandi ambizioni anche per il futuro. Per la panchina spunta un grande allenatore italiano

De Laurentiis, presidente Napoli - Photo Image Agency

De Laurentiis, presidente Napoli - Photo Image Agency

Ieri sera la squadra guidata da Maurizio Sarri ha giocato contro la Sampdoria in contemporanea con la partita tra Roma-Juventus. Gli azzurri con il 2-0 finale fanno il loro record di punti in Serie A, ma tutto questo non è bastato, i bianconeri pareggiando contro i giallorossi, conquistano il loro settimo scudetto consecutivo, il quarto della gestione Massimiliano Allegri. Il Napoli ora non può che pensare alla prossima stagione, dove non intende mollare ed è pronto all'ennesima battaglia. De Laurentiis però sta pensando di iniziare una nuova avventura senza Sarri.

Ancelotti il nome che fa sognare

Dopo aver visto sfumare il sogno scudetto, in casa Napoli è giunto il momento di pianificare il futuro, con, o senza Maurizio Sarri. In settimana avverrà un incontro tra De Laurentiis e l'attuale allenatore del Napoli, per capire quali siano i margini per continuare insieme anche la prossima stagione. Al momento c'è troppa distanza tra i due, per questo il patron azzurro sta iniziando a studiare le varie alternative. Tra i tanti candidati, prende sempre più forza quello di Carlo Ancelotti. Secondo le ultime notizie De Laurentiis e Ancelotti, si sarebbero già incontrati per iniziare i primi discorsi e formulare un contratto che lo leghi il prossimo anno sulla panchina del Napoli. Si parla di un contratto di due anni con opzione per il terzo.

Carlo Alvino è sicuro

La notizia è stata confermato anche dal giornalista Carlo Alvino, nonchè tifoso del Napoli, che in un'intervista ha svelato: "Primo incontro tra De Laurentiis e Ancelotti arrivato lo scorso agosto, in occasione dell'amichevole Bayern-Napoli. Poi ci sono stati dei contatti continui nel corso della stagione. Ad Ancelotti piace la rosa degli azzurri, il discorso tecnico è già avviato e Sarri ha fatto chiaramente intendere che considera chiuso il suo ciclo. Ingaggio? I 10 milioni di una volta sono soltanto un ricordo, Ancelotti ha voglia di tornare in Italia e siamo su cifre più abbordabili. L'accordo sarebbe biennale, con opzione per la terza stagione. Sul mercato, di comune accordo, andrebbero via solo un paio di calciatore".

Sarri: "ADL? Mercoledì a cena, ma se mi vuole parlare..."



News correlate

Torna su