Perisic: 'Lascerei l'Inter solo per un top club. La Champions è al primo posto'

L'esterno croato è tornato a parlare dopo la delusione per la sconfitta nella finale Mondiale contro la Francia

Uno dei grandi protagonisti nell'ultimo Mondiale in Russia della Croazia è stato sicuramente l'esterno dell'Inter, Ivan Perisic. Se è vero che Luka Modric (che piace ai nerazzurri) è stato premiato come miglior giocatore del Mondiale, è anche vero che l'esterno viene subito dopo, visto il rendimento in crescendo che lo hanno visto essere decisivo nella semifinale contro l'Inghilterra, con la rete del pareggio e l'assist a Mandzukic ai supplementari per il gol vittoria, e in finale contro la Francia con la rete del momentaneo pareggio.

PERISIC AMBITO SUL MERCATO

Le prestazioni di Ivan Perisic non sono passate inosservate e hanno attirato l'attenzione di alcuni top club, su tutti il Manchester United. Il tecnico dei Red Devils, José Mourinho, non ha mai nascosto la propria stima per l'esterno croato e già lo scorso anno fu protagonista di un lungo corteggiamento. Una trattativa che, però, sfumò a causa della distanza tra la richiesta dell'Inter (60 milioni di euro) e l'offerta del Manchester (45 milioni). Ora i nerazzurri hanno già fatto sapere a tutti i club interessati di non essere intenzionati a cedere il croato, a meno che in sede non arrivino offerte da almeno 80 milioni di euro.

LE PAROLE DI PERISIC

Dopo la finale del Mondiale, a distanza di poco meno di un mese, è tornato a parlare Ivan Perisic, intervistato ai microfoni del portale croato sportske jurtarnji:

"Ora mi godo le vacanze e la famiglia, il mio ritorno in Italia è previsto per il 10 agosto".

Il secondo posto al Mondiale: "Abbiamo fatto qualcosa di cui non siamo consapevoli oggi. Arrivare secondi a un Mondiale è un grande risultato e potremo renderci conto solo dopo un po' di ciò che abbiamo realizzato. Forse lo faremo solo dopo la fine della nostra carriera, quando andremo a riguardare i video del campionato del mondo, saremo consapevoli di ciò che è stato fatto".

Aspettative: "Non ci sono state novità, siamo una grande squadra. A Euro 2008 abbiamo giocato molto bene ma siamo stati sfortunati. Quattro anni dopo abbiamo ricevuto un rigore contro inesistente nella partita con la Spagna, altrimenti avremmo potuto passare in un girone dove c'era anche l'Italia. Le due squadre hanno poi fatto la finale del torneo. Non siamo stati mai fortunati, ora siamo arrivati in finale".

Via dall'Inter ad una sola condizione: "L'anno scorso ho firmato un nuovo contratto con l'Inter per cinque anni e lì mi sento davvero il top, quello che vorrei sempre. E' vero che l'Inter dal 2010 non vince, al contrario di quanto dovrebbe, ma penso e sento che l'Inter tornerà di nuovo ai suoi giorni di gloria. Se dovessi cambiare squadra, lo farei solo per un top club militante in un grande campionato".

L'importanza della Champions League: "La Champions League è al primo posto. Mi piacerebbe fare qualcosa di concreto in questo torneo, perché per sei anni non ho giocato in Champions. Gli Europei e i Mondiali li ho già giocati, ora ho raggiunto anche questo grande risultato. Ma la Champions League è davvero una sfida speciale per i club".

TI PIACE SCOMMETTERE SUL CALCIO? USA WILLIAM HILL E PRENDI IL BONUS INIZIALE

IL PROFILO DI PERISIC

Il profilo dell'esterno croato dell'Inter, Ivan Perisic.



News correlate

Torna su