Il Napoli passa subito in vantaggio e poi si perde, complice anche il risultato proveniente dall'Ucraina. Azzurri eliminati e "retrocessi" in Europa League

Il Napoli dice "addio" alla Champions League 2017-2018, perdendo per 2-1 sul campo del Feyenoord. La vittoria necessaria per sperare non è arrivata, ma comunque non sarebbe bastata per la contemporanea sconfitta con lo stesso risultato del City sul campo dello Shakhtar.

LA PARTITA - Sul fronte formazioni, Maurizio Sarri per ottenere la vittoria decisiva ai fini del passaggio agli ottavi di finale si affida ovviamente al solito modulo 4-3-3. Davanti a Reina tra i pali, spazio per Maggio e Hysaj sulla fasce, con Albiol e Koulbaly in mezzo. A centrocampo c'è il rientro dal 1' di Diawara, con Allan e Hamsik a completare il terzetto. Nel tridente offensivo Dries Mertens al centro dell'attacco con Callejon e Zielinski sulle fasce.

Il Napoli parte fortissimo e al 2' passa in vantaggio: punizione battuta in zona d'attacco con Diawara che scodella in area di rigore verso Albiol. Dopo una carambola la palla diventa buona per Zielinski che da distanza ravvicinata infila la sfera sotto la traversa. Gli azzurri dominano e al 15' sfiorano anche il raddoppio: invenzione di Mertens per Callejon in area, uscita di Vermeer con la palla che carambola a due metri dalla porta, Hamsik si avventa sulla sfera ma viene anticipato in scivolata da Tapia. Nel frattempo però arrivano brutte notizie dall'Ucraina. Lo Shakhtar Donetsk passa in vantaggio al minuto 26' contro il Manchester City, con la rete firmata dal brasiliano Bernard. Situazione critica e ancor più complicata al 33' quando il Feyenoord trova il pareggio: numero di Berghuis sulla fascia destra, pallone a centro area dove Jorgensen prende il tempo ad Albiol e batte Reina di testa. Intanto arriva anche il 2-0 dello Shkahtar con Ismaily e qualificazione praticamente compromessa in maniera definitiva. Nel finale di tempo il Napoli reclama la mancata concessione di un calcio di rigore, con Callejon toccato in area di rigore. Per Oliver però non ci sono gli estremi per la concessione del penalty.

Il secondo tempo vede un Napoli "svuotato" di motivazioni e voglia di vincere, faticando moltissimo a creare nuove opportunità da gol. Anzi è il Feyenoord a rendersi pericoloso con alcune ripartenze, come al 54' quando però Boetius conclude altissimo. Sarri si accorge di questo e tra il 60' e il 64' opera un doppio cambio inserendo Rog e Mario Rui per Allan e Maggio. Al 71' c'è anche un rischio: Reina temporeggia troppo col pallone tra i piedi, Boetius va in pressing e rischia di soffiare il pallone al portiere spagnolo, con quest'ultimo che si salva in qualche modo. Tre minuti più tardi squillo di Zielinski, ma il destro del polacco dai venti metri si spegne sul fondo. All'84' gli olandesi restano in inferiorità numerica per il doppio giallo sventolato a Vilhena. La seconda ammonizione arriva per un brutto fallo su Mertens. Al 91' però, con l'eliminazione già arrivata, il Feyenoord trova anche la rete del 2-1: su azione d'angolo svetta il numero 4 St. Juste che sbuca alle spalle di Albiol e di testa infila il pallone alla sinistra di Reina. Finisce malissimo, Napoli in Europa League.

CHAMPIONS LEAGUE, OTTAVI DI FINALE: TUTTE LE SQUADRE QUALIFICATE, SORTEGGIO e CALENDARIO

SPORTNOTIZIE24 CONSIGLIA...

Ti piace scommettere sul calcio e sullo sport in generale? Sportnotizie24 consiglia Bet365 che offre anche più di 100.000 eventi in live streaming all'anno, quindi puoi scommettere mentre guardi l'evento e mentre l'azione si svolge (il gioco è vietato ai minori di anni 18 - Gioca responsabilmente). Ogni evento sul sito web di bet365 che ha l'icona Play o Video accanto ad esso è programmato per essere mostrato tramite Live Streaming. REGISTRATI ADESSO SU BET365

Palinsesto delle partite di calcio e degli eventi sportivi di oggi in streaming

DA PC CLICCA QUI                       

DA MOBILE CLICCA QUI

INFO CHAMPIONS LEAGUE