Champions League, Allegri: "Contro il Tottenham una finale. Higuain e Dybala giocano"

Il tecnico bianconero ha analizzato la sfida contro gli Spurs nella consueta conferenza stampa della vigilia presieduta insieme a capitan Buffon

Tempo di conferenze stampa nella classica vigilia che accompagna le sfide di Champions League 2017/2018. La "Coppa dalle grandi orecchie" sta per fornire i primi verdetti della prima fase a eliminazione diretta, gli ottavi di finale, con la Juventus ormai pronta per affrontare il Tottenham a Wembley negli ultimi novanta minuti che decreteranno colei che avrà la meglio nel duplice confronto di andata e ritorno.

Nella capitale inglese si riparte dal 2-2 dell'Allianz Stadium: la Vecchia Signora dovrà obbligatoriamente portare a casa una vittoria (o ripetere quantomeno il risultato dell'andata per allungare la sfida ai supplementari, il 3-3 appare ipotesi difficile) onde evitare di dire addio alla competizione che l'ha vista finalista per ben due volte negli ultimi anni.

A Londra ci sarà bisogno della prestazione perfetta, in un periodo di forma non proprio al top visti i tanti infortuni dell'ultimo periodo. Per l'importante sfida Massimiliano Allegri ritrova Gonzalo Higuain, protagonista nel bene e nel male (doppietta più match ball fallito dal dischetto) due settimane fa a Torino. Non prenderà parte alla sfida invece Mario Mandzukic, uscito acciaccato dal terreno di gioco dell'Olimpico in occasione di Lazio-Juventus e dunque non convocato contro il Tottenham. Quella trovata in extremis con i biancocelesti è stata una vittoria fondamentale, che ha rilanciato in campionato i bianconeri, adesso a -1 dal Napoli ma con una gara in più da recuperare (quella con l'Atalanta) che potrebbe valere il primato in classifica. Adesso però testa alla gara con gli Spurs, con il tecnico livornese che puntuale ha parlato ai microfoni introducendo quella che sarà la gara di domani insieme al capitano, Gigi Buffon.

LE PAROLE DI GIGI BUFFON

A prendere parola per primo è proprio il numero uno bianconero: "Sicuramente è una sfida molto accattivante, dovuta al fatto che si gioca in uno stadio e in un teatro storicamente incredibile e poi dovuta al fatto che noi dobbiamo cercare di conquistarci questa qualificazione che visto il risultato dell'andata, ma anche la forza dell'avversario, sembra un pochino in salita". 

Sulla possibilità che sia l'ultima Champions: "Non mi ha sfiorato il pensiero, anche perché sono ottimista di natura. Mi auguro che almeno per quest'anno non sia l'ultima nè per me, nè per la Juve, che ce ne siano tante altre più importanti".

Il pensiero va inevitabilmente a Davide Astori e le riflessioni sul suo futuro"Beh, si riparte perchè lo impone la vita... Credo che anche soprattutto per noi che siamo calciatori e abbiamo avuto l'onore di stare vicino e di conoscere una persona come Davide, visto e considerato che si faceva lo stesso lavoro, il modo migliore per ricordarlo e far sì che il suo essere sportivo possa sempre emergere e non venga mai dimenticato. Non ho riflessioni da fare, perché le riflessioni sono già state fatte, col presidente ci dobbiamo solo incontrare per definire".

ALLEGRI: CONTRO IL TOTTENHAM UNA FINALE, HIGUAIN E DYBALA GIOCANO

E' il turno del tecnico bianconero, Massimiliano Allegri, che dopo aver ricordato Astori non perde tempo sciogliendo i dubbi di formazione: "Higuain e Dybala Giocano tutti e due... Higuain ha fatto degli allenamenti differenziati, ha partecipato da due giorni con la squadra, quindi è a disposizione, pronto per giocare, così come Dybala. Dybala ha recuperato bene dalla partita con la Lazio, è un ragazzo di 24 anni. Poi domani è una partita talmente importante, talmente bella da giocare che anche se uno ha meno condizione fisica sicuramente fa la prestazione".

Sul Tottenham"Non so come giocherà il Tottenham, visto il risultato dell'andata loro hanno più pressione perchè sono avvantaggiati, però per noi è una partita secca, è una finale, ci vorrà molta pazienza, molta tecnica, bisognerà giocare meglio tecnicamente rispetto all'andata. Se vediamo cosa abbiamo fatto all'andata, nonostante abbiamo sbagliato molto tecnicamente, abbiamo fatto diverse occasioni da gol concedendo poco a loro, credo che ci sia da vedere la partita di domani sera in modo positivo".

Cuadrado, Bernardeschi e Mandzukic assenze pesanti "Non ho pensato a questa cosa, una cosa da fare domani è cercare di non andare ai supplementari, quindi vincerla prima, perchè non abbiamo cambi in panchina e quindi bisognerà fare una partita diversa, diversa da quella d'andata, ma come gestualità tecnica". E su Douglas Costa: "Douglas Costa ci sono buone probabilità che giochi". 

Sulla similitudine Tottenham-Napoli e sull'atteggiamento da avere in campo domani: "Il Tottenham ha un gigante e il Napoli uno piccolino davanti. La mentalità? Dovete chiederlo a Sarri e a Pochettino, io non li alleno... Il cinismo serve, a Roma è stato un buon allenamento perchè abbiamo giocato una partita di grande difficoltà, fisica e abbiamo avuto poche occasioni, nell'ultima Paulo è stato molto bravi". 

Fonte: tuttojuve.com

Lloris: "Buffon è la storia del calcio" (VIDEO)

Ultime notizie Champions League

  • 26 maggio 2018
  • 26 maggio 2018
  • 23 maggio 2018
  • 21 maggio 2018
show


News correlate

Torna su