Formazioni ufficiali Juventus-Real Madrid: Allegri punta sul 4-4-2, Matuidi in panchina

Juventus e Real Madrid scendono in campo all'Allianz Stadium per l'andata dei quarti di finale di Champions League: calcio d'inizio fissato alle ore 20:45

Juventus e Real Madrid sono pronte per sfidarsi nel match di andata dei quarti di finale di Champions League. Appuntamento alle ore 20:45 all'Allianz Stadium di Torino. Ora andiamo a vedere assieme le formazioni ufficiali e le scelte di Massimiliano Allegri e Zinedine Zidane.

QUI JUVENTUS - La Juventus ha sete di rivincita verso il Real Madrid, dopo la finale persa nel giugno contro i blancos a Cardiff. Ma è un pensiero che Massimiliano Allegri non ha voluto fare nella conferenza stampa della vigilia. "Non deve essere una vendetta. La squadra fece una buona partita nel primo tempo. La Juve credo che sia migliorata nella gestione delle partite, ma davanti avremo comunque il Real Madrid. Servirà concentrazione, noi siamo migliorati ma dobbiamo farlo ancora. Le qualità tecniche la squadra le ha, poi anche la fortuna dovrà darci una mano. Servirà una grande partita e una grande spinta da parte dei tifosi."

Sul fronte formazione, il mister bianconero per questa sfida deve rinunciare a Benatia e Pjanic squalificati. E, nel modulo 4-3-2-1, sono proprio questi i due dubbi principali: Barzagli o Rugani al fianco di Chiellini, Marchisio o Bentancur al posto del bosniaco. In avanti Dybala e Douglas Costa a supportare Higuain. Ma il modulo potrebbe essere anche un 4-4-2 con Costa e Alex Sandro sulle fasce a centrocampo, con Asamoah nel ruolo di terzino sinistro e Matuidi relegato in panchina.

QUI REAL MADRID - Il Real Madrid arriva a Torino in buona forma e con la voglia di portare a casa un risultato positivo per poi giocarsi la qualificazione al Santiago Bernabeu. Anche Zinedine Zidane è intervenuto in conferenza stampa, precisando che partita andrà giocata: "Cercheremo di fare una buona partita innanzitutto, una buona partita di calcio, perchè è quello che sappiamo fare e siamo preparati e pronti per farlo. Io credo proprio che siamo pronti, ma certo che non ha nulla a che fare con quello che è successo dieci mesi fa, quello che è successo là è passato, dobbiamo pensare adesso a questo turno e fare la migliore partita".

Sul fronte formazione, si riparte dal modulo 4-3-1-2, con il ritorno di Cristiano Ronaldo al centro dell’attacco insieme a Benzema e Isco ad agire dietro le due punte. In mezzo al campo riecco Toni Kroos, mentre nel pacchetto arretrato Marcelo si riposizionerà sulla sinistra ai danni di Theo Hernandez. Per il resto c’è il recupero anche di Sergio Ramos al centro della difesa.

FORMAZIONI UFFICIALI JUVENTUS-REAL MADRID

JUVENTUS (4-4-2): Buffon; De Sciglio, Barzagli, Chiellini, Asamoah; Douglas Costa, Khedira, Bentancur, Alex Sandro; Dybala, Higuain. Allenatore: Allegri

REAL MADRID (4-3-1-2): Keylor Navas; Carvajal, Sergio Ramos, Varane, Marcelo; Kroos, Casemiro, Modric; Isco; Benzema, Cristiano Ronaldo. Allenatore: Zidane

DIRETTA TV E STREAMING                  

Il match dell'Allianz Stadium sarà visibile in chiaro. Ma non su Canale 5, bensì sul nuovo Canale 20 del digitale terrestre, a definizione standard, che prenderà il posto di Retecapri nella numerazione LCN. Qui è comparso un cartello che annuncia il debutto in TV il 3 aprile proprio con la partita tra Juventus e Real Madrid, con prepartita dalle ore 19:30.

LEGGI COME FARE PER VEDERE IL CALCIO IN STREAMING O ACCEDI ORA(Per utilizzare il servizio di live streaming è necessario aver effettuato l’accesso e disporre di un account con saldo positivo o di aver effettuato una scommessa nelle ultime 24 ore. Se sei da mobile guarda in alto dove ci sono i simboli degli sport scorrendo verso destra trovi un’icona che si chiama “Diario Live”, clicca quella ed entra nel palinsesto del giorno (il gioco è vietato ai minori di anni 18 – Termini e condizioni si applicano sul sito di bet365).

Allegri: "Cardiff, una lezione da non dimenticare"

Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, ha parlato in conferenza stampa della "lezione" arrivata dalla finale persa a Cardiff il 3 giugno 2017.



News correlate

Torna su