William Hill IT Italiano

Il Real Madrid prenota la finale in quel di Monaco: 2-1 al Bayern

Il Real Madrid vince in rimonta anche a Monaco di Baviera, superando per 2-1 il Bayern e mettendosi in posizione di netto vantaggio per il ritorno della semifinale del 1° maggio

La seconda semifinale di Champions League va agli archivi. Finisce 2-1 per il Real Madrid che ribalta con Marcelo e Asensio l'iniziale vantaggio di Kimmich. Martedì 1° maggio al Santiago Bernabeu, il Bayern sarà chiamato alla rimonta.

LA PARTITA - Sul fronte formazioni ufficiali, Heynckes schiera il suo Bayern Monaco con una formazione iper offensiva. Non c'è Alaba sull'out di sinistra, al suo posto Rafinha con Kimmich terzino destro. Davanti a Hummels e Boateng c'è Javi Matinez, mentre in avanti è tutto schieramento offensivo: l'unica punta è Lewandowski, alle sue spalle Robben, Muller, James Rodriguez e Ribery. Zidane risponde col modulo 4-3-3 in cui Bale e Benzema in panchina. Davanti a Navas, difesa a quattro con Carvajal, Ramos, Varane e Marcelo. A centrocampo con Casemiro ci sono Kroos e Modric, mentre in avanti Isco e Lucas Vazquez a supportare Cristiano Ronaldo.

PRIMO TEMPO, MARCELO RISPONDE A KIMMICH

La sfida inizia col piede sbagliato per il Bayern Monaco, dato che al 5' Robben accusa un problema muscolare alla gamba sinistra. Nulla da fare per l'olandese, sostituito al 9' da Thiago Alcantara. Il Real comunque, dopo un avvio timido, prende il comando delle operazioni, rendendosi pericoloso al 23' con un destro dal limite di Carvajal che viene bloccato da Ulreich. Ma improvvisamente è il Bayern Monaco a passare in vantaggio al 28' con Kimmich: tutto nasca da un rinvio battuto velocemente da Ulreich, con Marcelo fuori posizione, il terzino destro viene lanciato da Muller e da posizione defilata calcia in porta sul primo palo, Navas è sorpreso e Allianz Arena in festa. Per i tedeschi arriva però il secondo infortunio di serata, con Boateng che al 34' alza bandiera bianca, al suo posto dentro Sule. Il Bayern gioca meglio in questo frangente, ma senza capitalizzare le occasioni avuta con Ribery prima e Hummels poi. Al 44' però il Real Madrid pareggia: cross di Ramos dalla sinistra, il pallone arriva dall'altra parte con il colpo di testa di Carvajal che rimette al centro la sfera. Ronaldo tenta la rovesciata ma non ci arriva, ci pensa allora Marcelo a calciare al volo con un diagonale imprendibile per Ulreich.



SECONDO TEMPO, A SEGNO ASENSIO

Il secondo tempo si apre con un cambio nel Real Madrid, dentro Asensio per Isco. Una mossa azzeccata visto che proprio il numero 20 al 57' fa 2-1 per i blancos:  errore incredibile di Rafinha che in disimpegno dopo un corner offensivo regala il pallone al Real, contropiede orchestrato da Vazquez e concluso col mancino dall'interno dell'area di rigore di Asensio. A quel punto il Bayern spinge sull'acceleratore, sfiorando il pareggio con Ribery per due volte ma fermato in entrambe le circostanze da Navas. Nel frattempo anche il Real perde un giocatore per infortunio, con il problema muscolare al 67' di Carvajal, al suo posto dentro Benzema. Nel finale di partita il Bayern perde forza e lucidità, non riuscendo a riportarsi in parità, pur sprecando una grande chance con Lewandowski all'88'. Finisce 2-1 per il Real, Bayern chiamato all'impresa al Bernabeu.




News correlate

Torna su