William Hill IT Italiano

Peter Sagan e l'UCI trovano l'accordo sulla squalifica al Tour. Niente ricorso al TAS

Il corridore slovacco, il suo team e l'Unione ciclistica internazionale hanno raggiunto un accordo per porre termine alla controversia sulla squalifica al Tour 2017

Peter Sagan e l'UCI trovano l'accordo sulla squalifica al Tour. Niente ricorso al TAS

Peter Sagan non ricorrerà al Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna in merito all'espulsione che subì la scorsa estate al Tour de France in seguito ad un incidente in volata nel corso della 4ª tappa del Tour sul traguardo di Vittel. Il corridore slovacco campione del Mondo, il suo team, la Bora Hansgrohe, e l'Unione Ciclistica Internazionale (UCI), hanno comunicato di aver raggiunto un accordo per mettere la parola fine alla controversia legale. Sagan e la sua squadra avevano subito impugnato la decisione della giuria davanti al TAS, chiedendo la sospensione temporanea della squalifica per consentire al campione del Mondo di terminare la corsa, ma quella richiesta fu respinta.

Sagan volle poi proseguire la sua 'caccia alle streghe' e il TAS aveva fissato per oggi la discussione. Acquisiti tutti i documenti, con tanto di filmati che non erano stati resi disponibili al momento in cui la giuria di gara aveva squalificato Sagan, le parti hanno quindi concordato che l'accaduto era stato solamente un incidente non intenzionale e che i Commissari UCI avevano preso la loro decisione nelle migliori condizioni possibili al momento. Dunque, le parti coinvolte nella vicenda hanno così optato per una conclusione anticipata del contenzioso. Soddisfatto il il nuovo presidente dell'UCI, David Lappartient, che ha così commentato: “Questi procedimenti hanno dimostrato quanto sia importante e impegnativo il lavoro dei Commissari UCI. A partire dalla prossima stagione l'UCI intende ingaggiare un 'Commissario di supporto' con un'esperienza video importante per assistere il gruppo dei Commissari nei principali eventi dell'UCI World Tour”.

Grande soddisfazione traspare oggi anche dalle parole del campione del Mondo: “Il passato è già dimenticato, ora si tratta di migliorare il futuro del nostro sport – ha detto Sagan –. Quanto mi è successo a Vittel ha dimostrato che il lavoro dei Commissari UCI è difficile e l'Unione Ciclistica Internazionale ha riconosciuto la necessità di facilitare il loro lavoro in modo più efficace. Sono felice che il mio caso porti a sviluppi positivi, perché è importante per il nostro sport prendere decisioni giuste e comprensibili”.

SPORTNOTIZIE24 CONSIGLIA...

Ti piace scommettere sul calcio e sullo sport in generale? Sportnotizie24 consiglia Bet365 che offre anche più di 100.000 eventi in live streaming all'anno, quindi puoi scommettere mentre guardi l'evento e mentre l'azione si svolge (il gioco è vietato ai minori di anni 18 - Gioca responsabilmente). Ogni evento sul sito web di bet365 che ha l'icona Play o Video accanto ad esso è programmato per essere mostrato tramite Live Streaming. REGISTRATI ADESSO SU BET365

Palinsesto delle partite di calcio e degli eventi sportivi di oggi in streaming

DA PC CLICCA QUI                       

DA MOBILE CLICCA QUI



News correlate

Torna su