Tirreno-Adriatico 2018, quarta tappa a Mikel Landa: maglia azzurra a Caruso

Sull'arrivo in salita di Sassotetto, lo spagnolo Mikel Landa della Movistar ha dato la zampata giusta. In difficoltà invece Chris Froome

La quarta tappa della Tirreno Adriatico, con partenza da Foligno e arrivo a Sassotetto dop 219 km, la frazione più impegnativa con un arrivo in salita alla fine di un'ascesa di 14km. A vincere è stato lo spagnolo Mikel Landa della Movistar, con lo scalatore iberico che ha staccato tutti proprio negli ultimi metri, precedendo Bennet e Majka. Cambia anche la classifica generale, con adesso Damiamo Caruso della BMC nuovamente leader della corsa, visto il problema meccanico accusato da Thomas con il salto di catena in piena ascesa finale.

ARRIVA SUBITO IL RITIRO DI TOM DUMOULIN

Una frazione caratterizzata dalla lunga fuga iniziata già dopo pochi chilometri da Jacopo Mosca (Wilier-Selle Italia), Nicola Bagioli (Nippo-Fantini), Mads Pedersen (Trek-Segafredo), Antoine Duchesne (Groupama-FDJ), Krists Neilands (Israel Cycling Academy) e Aleksandr Vlasov (Gazprom-Rusvelo). Ma anche dalla caduta di Tom Dumoulin caduto durante le prime battute della tappa procurandosi delle escoriazioni su tutto il corpo, ma fortunatamente senza fratture. I sei fuggitivi hanno accumulato un vantaggio massimo di quasi 7 minuti. All'inizio della terza ascesa di giornata, Penna San Giovanni, il vantaggio è sceso a meno di 5 minuti, col gruppo tirato dal Team Sky.

LA FASE DECISIVA DELLA TAPPA

Prima di cominciare la salita finale verso Sassotetto, è stato il Team Astana a prendere in mano la situazione, prima con Villella e poi con Kangert. Un'azione perfezionata per lo scatto di Miguel Angel Lopez ai meno 5,5km dal traguardo. Il colombiano dell’Astana ha rotto gli indugi. Ma il suo attacco non ha effetto, dato che è Rafa Majka a provare il contrattatto e accumulare un vantaggio di 25" sui migliori, con Aru che prova ad inseguirlo da vicino. Qui però, dopo una fase di rallentamento, è Mikel Landa ad uscire dal gruppo principale e provare l'attacco decisivo. Dietro Chris Froome perde terreno, col britannico in difficoltà. Ai meno 1,5 km dall'arrivo, Landa raggiunge il terzetto composto da Majka, Hermans e Aru. Il sardo prova l'allungo ai meno 800metri, ma senza fortuna. Quella che invece accompagna l'attacco di Landa che chiude in testa davanti a Bennet e Majka, con Aru quarto.

LA CLASSIFICA GENERALE

Rivoluzionata la classifica generale: torna in testa Damiano Caruso che ha 11 secondi di vantaggio su Kelderman e 20” su Landa. Quarto Thomas a 26”, 5° Uran a 31”, 7° Formolo a 34”, 9° Pozzovivo a 41”. Per la giornata di domenica è in programma la quinta tappa, con partenza da Castelraimondo e arrivo a Filottrano dopo 178 km, città natale di Michele Scarponi. Montelupone ed Osimo saranno i due gpm nella prima fase di tappa, poi il muro di Filottrano (800 metri al 12%) e ultimo chilometro ancora in salita con punte al 10% (leggi anche calendario, date e altimetrie delle sette tappe).

VUOI VEDERE IL CALCIO EUROPEO E ITALIANO, MA ANCHE TANTI ALTRI SPORT IN LIVE STREAMING? ECCO LA SOLUZIONE 

Froome: "Alla fine mi darete ragione" (video)



News correlate

Torna su