Tirreno-Adriatico 2018, a Dennis la cronometro: Kwiatkowski leader davanti a Caruso

Il ciclista australiano si aggiudica la settima e ultima tappa di San Benedetto del Tronto, mentre il polacco mantiene la maglia azzurra a +24" dall'azzurro

Anche la settima e ultima tappa della Tirreno-Adriatico 2018 è giunta a conclusione: Rohan Dennis è il trionfatore della cronometro individuale. L'australiano del team BMC ha siglato il miglior crono di giornata in 11’14”, nei 10 chilometri della manifestazione in programma da viale Tamerici sino a San Benedetto del Tronto. Un finale della corsa a tappe che ha regalato al polacco Michal Kwiatkowski la testa della classifica generale e dunque la possibilità di preservare la maglia azzurra conquistata nella penultima tappa a Fano; la prima in assoluto per la Polonia nella Tirreno-Adriatico.

DENNIS VINCE LA CRONOMETRO, KWIATKOWSKI SI CONFERMA LEADER

Dopo i successi del 2017 nelle Strade Bianche e nella Milano-Sanremo, il corridore del Team Sky si conferma leader della classifica generale senza particolari sorprese finali, precedendo di 24" l'italiano Giampaolo Caruso autore comunque di una grandissima prova durante tutte e sette le tappe. L'azzurro ha ritrovato un podio che per l'Italia mancava da quattro lunghi anni, mentre in terza posizione troviamo Geraint Thomas (a distanza di 32" da Kwiatkowski), con quest'ultimo in grado di scavalcare Mikel Landa, sesto dopo Tiesj Benoot e Adam Yates. In settima piazza troviamo Davide Formolo, mentre hanno qualcosa da recriminare Vincenzo Nibali e Fabio Aru, che, insieme a Chris Froome, non hanno lasciato il segno in questa Tirreno-Adriatico.

Una frazione caratterizzata da condizioni atmosferiche non proprio ideali per gli ultimi trenta atleti scesi in gara. Difatti, questi ultimi hanno dovuto fare i conti con vento e pioggia, non riuscendo a imprimere una maggiore spinta rispetto a Rohan Dennis, che invece ha corso poco prima con cielo sereno. Jos Van Emden (LottoNL-Jumbo), secondo a 4”, e l’iberico Jonathan Castroviejo (Team Sky), terzo ad 8” chiudono invece il podio. Di grande rilievo la prestazione di Gianni Moscon, campione italiano della specialità quinto a 12” (leggi anche calendario, date e altimetrie delle sette tappe).

CARUSO: "LA MIA MIGLIOR GARA"

Nel post gara Giampaolo Caruso ha commentato il grande risultato ottenuto alla Tirreno-Adriatico: "Sono partito non sentendomi battuto, ho dato il 100%. È stata la migliore gara da quando sono professionista. Bisogna continuare con questo trend per provare a vincere altre corse".

Arrivo

1. Rohan Dennis (Bmc, Aus) 10 km in 11'34";
2. Jos Van Emden (Ola) a 4";
3. Jonathan Castroviejo (Spa) a 8";
4. Pedersen (Dan) a 8";
5. MOSCON a 12";
6. Hepburn (Aus) a 13";
7. Bauer (Aus);
8. Durbridge (Aus) a 17";
9. Roglic (Slo) a 18";
10. Kiryienka (Blr).

Classifica generale

1. Michal Kwiatkowski (Sky, Pol) in 25.32'56";
2. Damiano CARUSO a 24";
3. Geraint Thomas (Gb) a 32";
4. Benoot (Bel) a 1'06";
5. A. Yates (Gb) a 1' 10";
6. Landa (Spa) a 1'13";
7. FORMOLO a 1'15";
8. Garcia (Spa);
9. Bennett (Aus) a 1'16";
10. Uran (Col) a 1'22".

Un anno di sport: il 2017 del ciclismo (VIDEO)



News correlate

Torna su