Nibali prepara il "ballo dei debuttanti" al Fiandre

Lo Squalo dello Stretto è al suo primo giro delle Fiandre: "difficile inventarsi qualcosa, ma a pelle è una corsa che mi piace"

Nibali prepara il "ballo dei debuttanti" al Fiandre

Domenica 1° aprile, giorno di Pasqua, è in programma la 102ª edizione del Giro delle Fiandre, la seconda classica monumento della stagione dopo la Milano-Sanremo vinta con una grandissima azione da Vincenzo Nibali. Il corridore della Bahrain-Merida sarà al via della corsa belga per la prima volta in carriera e proprio oggi ha testato alcuni tratti del percorso, come ha poi spiegato in conferenza stampa aggiungendo che dopo il Fiandre parteciperà al Giro dei Paesi Baschi in vista delle classiche delle Ardenne.

La sensazione della prima volta

Come detto, Nibali è alla sua prima in questa classica del Nord: "Pedalare oggi sulle strade del Fiandre e conoscere questi strappi mitici è stata una bella opportunità - ha raccontato -. In gara però so che cambiano tantissime cose e mi affiderò ai miei compagni che hanno maggior esperienza e conoscono meglio il percorso. Oggi ho visionato gli ultimi 70 chilometri; è importante conoscere molto bene il percorso perché si passa da strade molto grandi ad alcune molto piccole e successivamente si vanno a prendere i muri che sono molto impegnativi dove c'è grande selezione". Sicuramente il 'debuttante' Nibali non andrà a fare solo presenza: "Fantasie la ricognizione me ne ha date tante, la condizione è buona dalla Tirreno e dalla Sanremo e ho continuato ad allenarmi per mantenerla. Se le gambe ci saranno e si correrà bene, magari qualcosa si potrà fare, ma penso che in un Fiandre ci si possa inventare veramente poco".

Non adatta alle caratteristiche dello Squalo

Questa è una corsa che poco si addice al corridore siciliano: "Non è molto adatta alle mie caratteristiche però è una gara che merita di essere vissuta da dentro per vedere com’è", ha aggiunto Nibali che sui favoriti ha le idee chiare: "Sono Vanmarcke, Gilbert e Sagan. Nella mia squadra Heinrich Haussler è in buona condizione e penso che faremo una buona gara". Nibali ha anche raccontato che fa "ancora fatica a identificare tutte le salite. Sarà importante prenderle vicino ai miei compagni per poter fare una buona gara anche se è veramente difficile inventarsi qualcosa al primo anno. A pelle, però, è una corsa che mi piace".

Milano-Sanremo, il capolavoro di Nibali

Il riassunto del successo ottenuto da Vincenzo Nibali nella Milano-Sanremo dello scorso 17 marzo.



News correlate

Torna su