William Hill IT Italiano

Giro d’Italia 2018, seconda tappa: trionfa Elia Viviani, Dennis nuova maglia rosa

In quel di Tel Aviv l’olimpionico Elia Viviani si impone in volata su Mareczko, mentre l'austrlaiano Rohan Dennis è la nuova maglia rosa

La seconda tappa del Giro d'Italia 2018, con partenza da Haifa e arrivo a Tel Aviv, ha visto il successo nella voltata finale di Elia Viviani al termine dei 167 km della tappa. Il 29enne velocista veronese della Quick-Step Floors, ha bruciato in volata Jakub Mareczko e si prende anche la maglia ciclamino. Cambia invece la maglia rosa, con Dennis che adesso ha 1 secondo di vantaggio su Dumoulin, dopo aver vinto il traguardo volante di Cesarea.

LA FUGA DI GIORNATA

Dopo pochi chilometri dal via, parte la fuga di giornata, la prima di questa edizione 101 del Giro d'Italia. A portarsi in testa sono stati is eguenti corridori: Guillaume Boivin (Israel Cycling Academy), Davide Ballerini (Androni – Sidermec) e Lars Bak (Lotto FixAll). Il divario tra gli attaccanti e il gruppo principale si è stabilizzato quasi costantemente sui 3 minuti.

Tuttavia però, il gruppo ha rinserrato le fila grazie al lavoro della BMC per portarsi sui fuggitivi prima del GPM di Zikhron Ya’aqov. Questo per ricompattare il gruppo in vista del traguardo volanta di Cesarea, con i relativi abbuoni. E difatti Rohan Dennis, in volata, si va ad aggiudicare lo sprint, conquistando i 3 secondi di abbuono necessari per aggiudicarsi la maglia rosa di Tom Doumulin, davanti a Viviani e Roelandts. Subito dopo il canadese Boivin, già in fuga nella prima parte, riparte in solitaria, accumulando anche un vantaggio di 1 minuto ai meno 30 km dall'arrivo.

LA FASE DECISIVA DELLA TAPPA

Però le squadre dei velocisti iniziano a prendere in mano la situazione, riducendo in maniera sensibile il vantaggio del battistrada della Israel Cycling Academy. A 16 km dall'arrivo il gruppo torna compatto, con Astana e Team Sky a restare in testa per corprire i rispettivi capitani per via del vento. Si arriva così alla volata finale: nessun "treno" riesce a prendere il comando, con Mareczko che prova a bruciare tutti. Tuttavia sulla sinistra parte via Elia Viviani che rimonta e va a vincere a braccia alzate.

ORDINE DI ARRIVO: 1. Elia VIVIANI (Quick-Step Floors); 2. Mareczko s.t.; 3. Bennett (Irl) s.t.; 4. Bonifazio s.t.; 5. Modolo s.t.; 6. Venturini (Fra) s.t.; 7. Gibbons (SAf) s.t.; 8. Belletti s.t.; 9. Planckaert (Bel) s.t.; 10. Drucker (Lus).

CLASSIFICA GENERALE — 1. Rohan DENNIS (Bmc) 4h03’21”; 2. Dumoulin a 1”; 3. Campenaerts (Bel) a 3”; 4. Gonçalves (Por) a 13”; 5. Dowsett (Gb) a 17”; 6. Bilbao (Spa) a 19”; 7. Yates (Gb) a 21”; 8. Schachmann (Ger) a 22”; 9. Martin (Ger) a 28”; 10. Pozzovivo a 28”.

Il calendario del Giro d'Italia 2018: percorso ufficiale, tappe e altimetrie

Giro 2018 - Dumoulin, buona la prima



News correlate

Torna su