Giro d’Italia 2018, 19ª tappa: Froome "ribalta" tutto e va in Maglia Rosa | Classifica generale

La 19esima tappa del Giro d'Italia con partenza da Venaria e arrivo in quota a Bardonecchia ha visto uno scatenato Froome ribaltare tutto

La diciannovesima tappa del Giro d'Italia 2018, con partenza da Venaria e arrivo in quota a Bardonecchia, ha visto grande spettacolo e una corsa da antologia. Infatti Chris Froome ha letteralmente ribaltato tutto, attaccando a 80 km dal traguardo e riscrivendo la storia di questa edizione 2018. Fuori classifica Simon Yates, staccatosi già sul Colle delle Finestre a 86.5 km dal traguardo. In classifica generale adesso il britannico del Team Sky è la nuova Maglia Rosa con 40 secondi di vantaggio sull'olandese Tom Dumoulin.

SI COMINCIA SUBITO FORTISSIMO

Dopo pochi chilometri dal via è chiaro capire come la tappa odierna possa essere piena di spettacolo e spunti. Si viaggia su ritmi forsennati e il primo a farne le spese è Fabio Aru che decide di ritirarsi, assieme a lui anche il bielorusso Vasil Kiryienka. A 120 km dall’arrivo, ci sono una ventina di uomini in fuga. Tra questi Brambilla, Sanchez, Visconti (gregario di Pozzovivo), De la Cruz e Henao (gregari di Froome), Atapuma, Conti, Montaguti e Ten Dam (gregario di Dumoulin). A tirare il gruppo maglia rosa, distante 43″, c’è la Mitchelton Scott. All'inizio del Colle delle Finestre, sono nove gli uomini in fuga: Montaguti, Torres, Sanchez, Neilands, Brown, Gonçalves, Van Poppel, Atapuma e Conti. Per loro 1’11” sul gruppo maglia rosa.

Ma il Team Sky fa subito le cose sul serio e inizia a imporre un ritmo insostenibile per tutti in testa al gruppo. Un pressing che viene subito o quasi pagato a carissimo prezzo dalla Maglia Rosa Simon Yates che si stacca quando mancano ancora 86,5 km dall'arrivo. Per lui crisi nera e addio ai sogni di gloria. Ma davanti soffrono tutti, si stacca anche Domenico Pozzovivo e a 80 km dal traguardo Froome allunga definitivamente, con Tom Dumoulin che non accenna nemmeno a reagire. Froome transita al GPM del Colle delle Finestre con un vantaggio di 42 secondi su Pinot, Dumoulin, Lopez e Carapaz.

FROOME INARRESTABILE ANCHE SUL SESTRIERE

Ma il britannico non si ferma e continua sia in discesa che sulla salita del Sestriere a guadagnare terreno. Il britannico vola nel verso senso della parola, scollinando con addirittura 2 minuti e 41 secondi di vantaggio su Dumoulin, Pinot, Reichenbach, Carapaz e Lopez. Nel tratto di discesa e pianura successiva, il britannico aumenta ancora il distacco portandolo a 2'55". Dietro il gruppetto con Pozzovivo insegue a più di 6 minuti, mentre la maglia rosa Yates ormai "disperso" a una ventina di minuti.

LA SALITA FINALE VERSO BARDONECCHIA

L'ultima asperità di giornata, lo Jafferau, viene iniziata ai meno 7km dal traguardo con Froome con un vantaggio di 3'23". Tuttavia Pinot attacca subito all'inizio della salita, staccando Dumoulin che reagisce solo in un secondo momento. Ai 2km dall'arrivo Froome conserva 3'15" su Dumoulin, Pinot, Carapaz e Lopez nuovamente compatti, mentre Pozzovivo insegue a 8'11". Per Froome è un arrivo in solitaria, spingendo sino alla fine.

TUTTE LE CLASSIFICHE DEL GIRO D'ITALIA 2018

ORDINE DI ARRIVO: 1. Froome 5h 12' 26", 2. Carapaz 2'59", 3. Pinot 3'06", 4. Lopez 3'11", 5. Dumoulin 3'21", 6. Reichenbach 6'13", 7. Formolo 8'21".

CLASSIFICA GENERALE: 1. FROOME Chris TEAM SKY, 2. DUMOULIN Tom TEAM SUNWEB 0’40”, 3. PINOT Thibaut GROUPAMA - FDJ 04’17”, 4. LOPEZ MORENO Miguel Angel ASTANA PRO TEAM 04'57", 5. CARAPAZ Richard MOVISTAR TEAM 05'44", 6. POZZOVIVO Domenico BAHRAIN - MERIDA 08’03”.

Il calendario del Giro d'Italia 2018: percorso ufficiale, tappe e altimetrie

Giro 2018 - La crono è di Rohan Dennis



News correlate

Torna su