Tour de France 2018, 16esima tappa: a Luchon trionfa Alaphilippe | Classifica generale

Il Tour de France 2018 è ripartio con la sedicesima tappa di 218 km da Carcassonne a Bagnères-de-Luchon, prima sfida sui Pirenei: a vincere è stato il francese Alaphilippe

La sedicesima tappa del Tour de France 2018, con partenza da Carcassonne e arrivo a Bagnères-de-Luchon dopo 218 km, ha visto vincere la maglia a pois Julien Alaphilippe che ha approfittato della caduta di Yates nella discesa finale. Per quanto riguarda invece la classifica generale, con la maglia gialla sempre sulle spalle di Geraint Thomas, davanti a Chris Froome e Tom Dumoulin. Gruppo arrivato con 9 minuti di ritardo dal vincitore.

LA FUGA DI GIORNATA

Dopo alcuni chilometri dal via, c'è un primo colpo di scena dato che al chilometro numero 29 i corridori trovano sulla loro strada alcune balle di paglia messe lì dai contadini del luogo in segno di protesa. Corsa neutralizzta e intervento della germanderia che ha lanciato lacrimogeni e usato spray al peperoncino, con conseguenti "problemi" per i corridori.

Dopo la ripresa della corsa, parte l'ormai consueta fuga di giornata di questa edizione 105 del Tour de France. A portarsi in testa sono stati più di 40 corridori, tra cui: Greg Van Avermaet, Damiano Caruso (BMC), Warren Barguil (Fortuneo-Samsic), Bauke Mollema (Trek-Segafredo), Domenico Pozzovivo, Ion Izagirre (Bahrain-Merida), Adam Yates (Mitchelton-Scott), Gorka Izagirre (Bahrain-Merida), Philippe Gilbert (Quick-Step Floors), Tejay Van Garderen (BMC), Robert Gesink (LottoNL-Jumbo), Julian Alaphilippe (Quick-Step Floors), Andrey Amador (Movistar), Michael Valgren (Astana), Jasper Stuyven (Trek-Segafredo), Magnus Cort Nielsen (Astana), Edvald Boasson Hagen (Dimension Data) e Daniele Bennati (Movistar). A 85 chilometri al traguardo, è di 6’30” il ritardo del gruppo maglia gialla dai fuggitivi.

Nel frattempo Peter Sagan vince ufficialmente la maglia verde del Tour de France, polverizzando il record di punti di Erik Zabel. Intanto sul Col de Portet-d’Aspet, Philippe Gilbert prova ad anticipare tutti prendendo 1 minuto di vantaggio sui compagni di fuga, col gruppo Sky segnalato a 10 minuti, quando mancano 61 km all'arrivo. Nella discesa successiva però, Gilbert cade finendo in un fosso, per fortuna senza conseguenze. Dunque cambia la testa della corsa, salendo verso il il Col de Menté (6,9 km all’8,1%), con Caruso e Gesink a forzare il ritmo. Si arriva in cima con Alaphilippe che transita per primo, con anche Pozzovivo e Mollema nel gruppetto a 46km dal traguardo.

LA FASE DECISIVA DELLA TAPPA

A 30km dall'arrivo c'è un gruppo di 17 uomini all’attacco, compresi i nostri Caruso e Pozzovivo, col gruppo maglia gialla addirittura staccato di 12 minuti. Il tutto prima di arrivare alla scalata del Col du Portillon (8,3 km al 7%). In cima poi 10km di discesa per arrivare sin sul traguardo. A 13km dall'arrivo è Adam Yates a provare l'allungo, con Pozzovivo, Mollema, Alaphilippe e Gesink a 12 secondi. Yates scollina con 20 secondi di vantaggio su Alaphilippe, ma il britannico a 6,5 km dall'arrivo cade in discesa. Ne approfitta il francese che lo scavalca e allunga andando a vincere a mani alzate.

ORDINE DI ARRIVO — 1. Alaphilippe, 2. Gorka Izaguirre, 3. Yates, 4. Mollema, 5. Pozzovivo, 6. Gesink, 7. Valgren, 8. Muhlberger, 9. Soler, 10. Latour

CLASSIFICA GENERALE 1. Thomas, 2. Froome a 1'39", 3. Dumoulin a 1'50", 4. Roglic a 2'38", 5. Bardet a 3'21", 6. Landa a 3'42", 7. Kruijswijk a 3'57", 8. Quintana a 4'23", 9. Fulgsang 6'14", 10. D. Martin a 6'54". ITALIANI: 16. Damiano Caruso a 14'02", 20. Pozzovivo a 20'29".

Calendario Tour de France 2018: percorso, tappe e altimetrie della corsa francese

Tour, 15° tappa - Cort Nielsen in volata, bis Astana



News correlate

Torna su