F1, GP Austin: Hamilton in pole position, Vettel in prima fila | La griglia di partenza

Tempi, risultati, qualifiche e la griglia di partenza del GP degli Stati Uniti sul circuito di Austin

Griglia di partenza GP Stati Uniti, Austin 2017: risultati qualifiche e pole position | Formula 1, 21 ottobre

La sfida tra Hamilton e Vettel prosegue, col britannico che conquista l'ennesima pole position (la 72a in carriera), ma il tedesco ha tirato fuori gli artigli nell'ultimo tentativo della Q3 riuscendo a strappare la prima fila. A seguire Bottas, Ricciardo e Raikkonen.

Griglia di partenza GP Stati Uniti, Austin 2017: risultati qualifiche e pole position | Formula 1, 21 ottobre

LIVE CONCLUSO

Ore 00:00 - Finiscono le qualifiche ufficiali, con Hamilton in pole position e Vettel al secondo posto. A seguire Bottas, Ricciardo e Raikkonen, col finlandese della Rossa ancora molto deludente. Verstappen sesto, ma partirà praticamente in fondo alla griglia perché penalizzato, poi Ocon, Sainz, Alonso e Perez.

Griglia di partenza:  

1a fila 1. Lewis Hamilton (Gbr) Mercedes 1'33"108 2. Sebastian Vettel (Ger) Ferrari 1'33"347 

2a fila 3. Valtteri Bottas (Fin) Mercedes 1'33"568 4. Daniel Ricciardo (Aus) Red Bull 1'33"577 

3a fila 5. Kimi Räikkönen (Fin) Ferrari 1'33"577 6. Esteban Ocon (Fra) Force India Mercedes 1'34"647 

4a fila 7. Carlos Sainz (Esp) Renault 1'34"852 8. Fernando Alonso (Esp) McLaren Honda 1'35"007 

5a fila 9. Sergio Perez (Mex) Force India Mercedes 1'35"148 10. Felipe Massa (Bra) Williams Mercedes 1'35"155.

6a fila 11. Daniil Kvyat (Rus) Toro Rosso 1'35"529 12. Romain Grosjean (Fra) Haas Ferrari 1'35"870 

7a fila 13. Marcus Ericsson (Swe) Sauber Ferrari 1'36"842 14. Lance Stroll (Can) Williams Mercedes 1'36"868 

8a fila 15. Pascal Wehrlein (Ger) Sauber Ferrari 1'37"179 16. Kevin Magnussen (Dan) Haas Ferrari 1'37"394 

9a fila 17. Max Verstappen (+) (Ned) Red Bull 1'33"658 18. Stoffel Vandoorne (Bel) McLaren Honda 1'35"641 

10a fila 19. Nico Hulkenberg (Ger) Renault 1'35"740 20. Brendon Hartley (Nze) Toro Rosso 1'36"889  

N.B. Vandoorne (+5 pos.), Verstappen (+15 pos.), Hulkenberg (+20 pos.), Hartley (+25 pos.) per sostituzione di alcune parti delle power unit.

Ore 23:52 - Hamilton continua a limare il record della pista ad Austin, fermando il cronometro sull'1:33:108. Bottas insegue a 460 millesimi, poi Raikkonen e Vettel a più di 7 decimi.

Ore 23:48 - Inizia la Q3, a giocarsi la pole saranno Hamilton, Bottas, Vettel, Raikkonen, Verstappen (anche se sarà penalizzato di 15 posizioni), Ricciardo, Perez, Ocon, Alonso e Sainz.

Ore 23:40 - Finisce la Q2. Hamilton saldamente in vetta, mentre arrivano i nomi di altri 5 eliminati: si tratta di Massa, 11°, Kvyat, Vandoorne, Grosjean e Hulkenberg.

Ore 23:29 - Lewis Hamilton continua a dominare e ferma il cronometro sull'1:33:560, con 223 millesimi di vantaggio su Bottas e 8 decimi su Vettel. A seguire a 9 decimi c'è Daniel Ricciardo.

Ore 23:25 - Inizia la Q2!

Ore 23:20 - In testa non cambia molto alla fine della Q1, mentre ci sono i nomi dei 5 eliminati: fuori Ericssson, 16°, Hartley, Wehrlein, Stroll e Magnussen.

Ore 23:14 - Hamilton è in testa col tempo di 1:34:822, davanti a Verstappen, Bottas, Vettel, Massa e Raikkonen. Hamilton e Vettel hanno girato con supersoft.

Ore 23:01 - Va subito detto come ci saranno diversi piloti che verranno penalizzati con declassamento in griglia: Vandoorne (+5 pos.), Verstappen (+15 pos.), Hulkenberg (+20 pos.), Hartley (+25 pos.) per sostituzione di alcune parti delle power unit.

Ore 23:00 - Iniziano le qualifiche ufficiali, con la classica Q1.

IL RIEPILOGO DELLE PROVE LIBERE

Un venerdì caratterizzato da due sessioni dominate dalla Mercedes di Lewis Hamilton. Partendo in ordine temporale, nella seconda sessione il britannico ha girato su tempi record col tempo finale di 1:34.668 (con gomma UltraSoft), distanziando Verstappen con la Red Bull di 397 millesimi. In terza piazza la prima delle due Ferrari, con Sebastian Vettel che ha accusato un ritardo di 524 millesimi. Il tedesco è stato anche protagonista di un fuori pista senza conseguenze. A seguire Valtteri Bottas, Daniel Ricciardo e Kimi Raikkonen, col finlandese della Ferrari distanziato di 846 millesimi dal leader.

Nella prima sessione, condizionata anche dalla pioggia, era stato sempre Hamilton il più veloce in pista, firmando il migliore tempo in 1’36″335 con le supersoft, precedendo Sebastian Vettel di mezzo secondo e il compagno di squadra Valtteri Bottas terzo a sei decimi. Al quarto posto invece Max Verstappen ma staccato di un secondo dal britannico.

CIRCUITO AUSTIN - Il circuito di Austin o Circuito Americano è stato progettato da Hermann Tilke, ed è uno dei pochi che viene affrontato in senso anti-orario. Dispone di 20 curve su una distanza di 5,47 km. La distanza percorsa dai piloti durante il Gran Premio degli USA è di 322 km per 59 giri. Sono presenti curvoni veloci, ma anche tratti molto lenti. Il rettilineo d'arrivo è molto interessante, perché si chiude in salita con una violenta staccata da affrontare verso sinistra., una delle otto staccate totali del circuito. LA MAPPA

AUSTIN 2016 - Nella passata stagione sul circuito americano a vincere fu Lewis Hamilton. Dietro il pilota britannico, a fissare la doppietta Mercedes, si è piazzato Nico Rosberg. Terza la Red Bull di Daniel Ricciardo davanti alla Ferrari di Sebastian Vettel. Il tedesco della Ferrari ha condotto al traguardo l'unica Rossa rimasta in gara dopo il ritiro di Kimi Raikkonen, out per una gomma avvitata male nell'ultimo pit stop. La stessa sorte era toccata a Max Verstappen dieci giri prima, a causa di un problema al motore.

SPORTNOTIZIE24 CONSIGLIA...

Ti piace scommettere sul calcio e sullo sport in generale? Noi di Sportnotizie24 consigliamo Bet365! Hai un altro bookmaker? Cambia adesso e fai una prova REGISTRATI ADESSO. Puoi guardare anche gli eventi sportivi in live streaming

Palinsesto delle partite di calcio e degli eventi sportivi di oggi in streaming

DA PC CLICCA QUI                       

DA MOBILE CLICCA QUI



 Vuoi scrivere per Sportnotizie24? Ecco come entrare a far parte del nostro team - clicca qui



Resta aggiornato sulla Formula 1



News correlate

Torna su