Fa discutere la decisione del gruppo televisivo italiano riguardo alla trasmissione di un numero esiguo di Gran Premi: ecco quali

Il campionato mondiale di Formula 1 2018 prende forma: la Fia ha finalmente approvato in maniera definitiva il calendario dell'attesissima nuova stagione automobilistica, che prenderà il via, come di consueto, in quel di Melbourne il 25 marzo prossimo, mentre giungerà al termine otto mesi dopo, esattamente il 25 novembre 2018 ad Abu Dhabi; Gran Premio che nella sua ultima edizione ha incoronato a tutti gli effetti Lewis Hamilton campione del mondo per la quarta volta. Quello del prossimo anno sarà un Mondiale entusiasmante, con l'infinita battaglia Mercedes-Ferrari che continuerà a far battere il cuore ai tantissimi appassionati del mondo dei motori, e la Red Bull che proverà a tener testa alle due acerrime rivali.

Tante le novità per quanto concerne le 21 prove che i piloti dovranno affrontare durante il corso della stagione. A partire dal ritorno di due storici GP, quello di Francia, che andrà in scena dopo dieci anni di assenza per problemi finanziari sul tracciato di Le Castellet il 24 giugno, e quello di Germania che si svolgerà a Hockenheim poco meno di un mese dopo. Non si correrà invece in Malesia. Riunitosi quest'oggi, il Consiglio Mondiale ha inoltre rivisto quelle che saranno le penalizzazioni da scontare sulla griglia di partenza, con i piloti che saranno costretti a partire dall'ultima posizione in caso di penalizzazione dalla 15^ posizione in su.

Ma a sorprendere e creare parecchie polemiche è sicuramente la questione riguardante l'assegnazione dei diritti televisivi, con la Rai che per la prima volta dopo diversi anni ha preso la decisione di trasmettere soltanto quattro delle ventuno prove del Gran Premio che si terranno durante tutto l'arco della stagione. Scelta assai radicale, dettata certamente da logiche di mercato e dalla presenza di una grande concorrenza: Sky infatti provvederà a rendere visibile, esclusivamente per gli abbonati, tutti gli appuntamenti di F1 dell'anno. 

Duro colpo dunque per tutti coloro che non dispongono di abbonamento alla piattaforma satellitare, e che in questi anni sono stati abituati a gustarsi in chiaro la maggior parte degli appuntamenti del Mondiale in tutta tranquillità, direttamente dalla poltrona di casa propria subito dopo il pranzo domenicale con la famiglia. Un momento di unione che verrà snaturato dalla decisione del gruppo televisivo italiano, con gli appassionati di Formula 1 che saranno costretti ricercare altre soluzioni nel caso in cui non volessero privarsi dei restanti Gran Premi. Quelli trasmessi su digitale terrestre saranno i Gran Premi di Monaco, Canada, Abu Dhabi e ovviamente d'Italia. Prove importanti ma che ovviamente non potranno mai soddisfare i milioni e milioni di sportivi abituati a ben altro in questi ultimi anni.

SPORTNOTIZIE24 CONSIGLIA...

Ti piace scommettere sul calcio e sullo sport in generale? Sportnotizie24 consiglia Bet365 che offre anche più di 100.000 eventi in live streaming all'anno, quindi puoi scommettere mentre guardi l'evento e mentre l'azione si svolge (il gioco è vietato ai minori di anni 18 - Gioca responsabilmente). Ogni evento sul sito web di bet365 che ha l'icona Play o Video accanto ad esso è programmato per essere mostrato tramite Live Streaming. REGISTRATI ADESSO SU BET365

Palinsesto delle partite di calcio e degli eventi sportivi di oggi in streaming

DA PC CLICCA QUI                       

DA MOBILE CLICCA QUI