Ferrari in lutto: è morto Sergio Marchionne

Sergio Marchionne è morto a Zurigo, dove da alcune settimane era ricoverato, e da alcuni giorni si trovava in coma irreversibile

Sergio Marchionne è morto questa mattina a Zurigo, dove era ricoverato dalla fine di del mese di giugno, e da alcuni giorni si trovava in coma irreversibile. Il manager, per 14 anni amministratore delegato di Fiat-Chrysler, aveva compiuto 66 anni lo scorso 17 giugno, nato a il 17 giugno 1952 a Chieti. Negli ultimi giorni le notizie circa le sue gravi condizioni di salute si erano diffuse in tutto il mondo.

Marchionne era stato sottoposto ad un intervento chirurgico alla spalla lo scorso 28 giugno, poi il sopraggiungere inattesso di complicazioni gravissime, che lo avevano costretto in uno stato di coma irreversibile a partire da venerdì scorso. E sabato poi, la missiva di il presidente di Fca John Elkann aveva già  spento qualsiasi speranza, scrivendo ai lavoratori che "Sergio non tornerà più".

Subito dopo, la FCA (acronimo di Fiat Chrysler Automobiles), società discendente della FIAT, aveva comunicato la rimozione dalla carica di CEO di Marchionne (che durava dal 2009). L’avvicendamento del manager era stato deciso per via delle sue condizioni di salute, dopo che in settimana erano sopraggiunte “complicazioni inattese durante la convalescenza post-operatoria, aggravatesi ulteriormente nelle ultime ore“.

Al suo posto, in Fiat-Chrysler è subentrato come amministratore delegato il britannico Mike Manley, mentre la carica in Ferrari è passata a carica a Louis Carey Camilleri, con John Elkann presidente di entrambe le aziende.

ULTIMI VIDEO SPORT



News correlate

Torna su