William Hill IT Italiano

Liga, il Real Madrid "mata" il Valencia e Zidane può sorridere: finisce 1-4 al Mestalla

Secondo successo consecutivo in campionato per i blancos ed eliminazione dalla Copa dimenticata: è crisi per Zaza e soci

La Liga torna in campo per gli appuntamenti della 21a giornata. Nella seconda gara del sabato, quella più attesa tra Valencia e Real Madrid, la formazione di Zinedine Zidane infligge un severo 4-1 a Zaza e soci bissando il successo di una settimana fa contro il La Coruna e dimenticando la clamorosa eliminazione subita per mano del Leganés in Copa del Rey.

LA PARTITA - Marcelino schiera i suoi in campo con il consueto 4-4-2, con Zaza e Vietto ancora una volta relegati in panchina in favore di Rodrigo e Santi Mina. In mezzo al campo c'è ancora l'ex Inter Kondogbia, mentre sugli esterni Gaya e Guedes. Zidane risponde invece con il 4-3-3: per risollevare la squadra dall'ultimo periodo di crisi il francese (in bilico) non rinuncia alla BBC composta da Bale, Benzema e Ronaldo in attacco mentre Isco non figura nemmeno tra i convocati. In mezzo la boa Casemiro con la classe di Modric e Kroos nel ruolo di mezzali. In difesa ancora assente Sergio Ramos, al suo posto Nacho.

Sfida subito piacevole quella del Mestalla, con i tifosi della squadra locale che incitano a gran voce i propri beniamini mettendo pressione ai galacticos. Il primo squillo però è proprio di marca Blanca, con Bale che al 7' prova a sorprendere con un tiro potente l'estremo difensore ex Juve Neto, che ci mette la manona dopo un uscita non proprio sicura sul compagno di squadra Garay. Passano tre minuti e anche il Valencia si fa vedere dalle parti di Navas senza però trovare lo specchio della porca con la conclusione da fuori di Rodrigo. Il contropiede i pipistrelli hanno dimostrato di essere letali, ma in difesa lasciano spesso e volentieri a desiderare. Come al 16', quando sugli sviluppi di un corner Ronaldo conquista palla e innesca una ripartenza. Il numero 7 dei blancos scambia con Marcelo e riceve in area venendo atterrato da Montoya. L'arbitro non ha dubbi e assegna il penalty che CR7 trasforma spiazzando Neto.

Svantaggio che non scoraggia i padroni di casa che ci provano a più riprese. Come al 25', quando Keylor Navas deve superarsi per sventare la gran botta da fuori di Kondogbia a colpo sicuro. I ritmi infernali della prima mezz'ora si abbassano leggermente, con il direttore di gara che al 37' concede generosamente la possibilità per il raddoppio ospite: ancora Montoya impatta leggermente in area di rigore con Benzema per anticiparlo di testa, il francese si lascia cadere procurandosi un nuovo penalty che Ronaldo non sbaglia malgrado l'intuizione di Neto.

Nel finale di tempo il Valencia ha la clamorosa occasione per accorciare le distanze, ma Rodrigo sciupa tutto da pochi metri dopo il suggerimento di Mina dalla destra. Nella ripresa Marcelino corre ai ripari inserendo Soler al posto di uno spento Guedes. Soluzione che in parte premia, visto che i locali si rendono pericolosi trovando addirittura la rete del 2-1 al 59'. Su un calcio d'angolo la difesa blanca traballa concedendo troppo spazio a Santi Mina, che indisturbato gira di testa trafiggendo Navas. Gol che infiamma la sfida del Mestalla, con la pressione del Valencia che aumenta a dismisura e il Real che soffre difendendosi come può. Al 68' i galacticos si affidano ancora una volta al loro portiere, che dopo una grande azione sul fronte Mina-Parejo devia d'istinto di piede la conclusione di quest'ultimo evitando il pari.

L'assedio dei pipistrelli non porta però risultati concreti. Anche Zaza viene gettato nella mischia al posto di Rodrigo ma il risultato cambia ancora una volta in favore del Real Madrid all'83': grandissima combinazione di Marcelo e il neo entrato Asensio (al posto di Benzema) sulla sinistra, lo spagnolo pesca il brasiliano che si inserisce con i tempi giusti e con un mancino rasoterra batte ancora Neto sul proprio palo. 3-1 e Valencia che non ne ha proprio più. Gli uomini di Zidane ne approfittano e dopo l'ennesima triangolazione nello stretto Kroos apre il piattone dal limite mettendo il pallone in buca d'angolo dove l'ex juventino non può arrivarci. Il Real sbanca Valencia nel migliore dei modi e accorcia al terzo posto in classifica. 

LA SERIE A E TANTI ALTRI EVENTI SPORTIVI SONO VISIBILI IN STREAMING – LEGGI PER LE INFO


RIPRODUZIONE RISERVATA Copyright Sportnotizie24

Protected by Copyscape




News correlate

Torna su