Rossi-Vinales: storia di una convivenza complicata solo sulla carta

Il pilota della Yamaha ha parlato della convivenza con il Dottore, usando parole per certi versi sorprendenti

Rossi-Vinales: storia di una convivenza complicata solo sulla carta

Quando è arrivata la notizia del passaggio di Maverick Viñales alla guida della Yamaha ufficiale, da più parti ci si è posti una domanda: come sarà la convivenza con Valentino Rossi?

Il giovane pilota di Figuerez, classe 1995, aveva fatto molto bene in sella alla Suzuki, meritando sulla pista il passaggio alla Yamaha: sulla carta avere come compagno di squadre il nove volte campione del mondo rischiava di portare ad una situazione per certi versi esplosiva. Si veniva dal mondiale perso da Valentino contro Lorenzo di due stagioni fa - a causa del comportamento non proprio corretto di Marquez - e dallo scorso sfortunato campionato vissuto dal pilota di Tavullia. La voglia di rivincita da parte di Rossi dunque era molto alta e avere un compagno di squadra "ingombrante" non era di certo la prima cosa che il Dottore si sarebbe augurato di vivere.

Viñales invece iniziava la nuova avventura sulla nuova moto con grande entusiasmo, forte dell’incoscienza che caratterizza i giovani, ma allo stesso tempo era dotato del talento che, almeno in linea teorica, poteva mettere in difficoltà Valentino Rossi.

CONVIVENZA “PACIFICA” – Dunque le premesse di inizio stagione non erano delle più incoraggianti, ma gara dopo gara la sensazione di “bomba ad orologeria”pronta ad esplodere in casa Yamaha è svanita, lasciando spazio ad una pacifica convivenza tra due grandi piloti che, pur perseguendo gli obiettivi personali, hanno mostrato rispetto per il lavoro del compagno di squadra.

A confermare i timori della vigilia che poi hanno lasciato spazio ad una convivenza del tutto rispettosa dell’altro, è stato lo stesso  Maverick Viñales che, ai microfoni di Motorsport.es, ha dichiarato: "Devo essere sincero, pensavo che avere Valentino come compagno di squadra sarebbe stato più complicato. Invece siamo andati abbastanza d'accordo, ci rispettiamo molto e credo che questa cosa sia molto importante, specie nelle situazioni delicate nelle qualipossiamo venirci a trovare. Quando la moto funzionava bene, entrambi eravamo là davanti a lottare, se faceva bene uno, faceva bene anche l'altro. 

Non ho nulla da rimproverare alla Yamaha: ha fatto il 100% sin dal primo giorno, senza mostrare alcuna disparità di trattamento fra me e Valentino. Il titolo alla fine se lo sono giocati Marquez e Dovizioso: metà per merito di Honda e Ducati e metà per demerito nostro".

Dunque il primo anno di convivenza tra Rossi e Viñales è trascorso senza grandi sussulti, ma dalla prossima stagione si ricomincerà con rinnovate ambizioni per entrambi e quel decimo titolo da portare a casa che resta l’obiettivo numero uno di Valentino.

SPORTNOTIZIE24 CONSIGLIA...

Ti piace scommettere sul calcio e sullo sport in generale? Sportnotizie24 consiglia Bet365 che offre anche più di 100.000 eventi in live streaming all'anno, quindi puoi scommettere mentre guardi l'evento e mentre l'azione si svolge (il gioco è vietato ai minori di anni 18 - Gioca responsabilmente). Ogni evento sul sito web di bet365 che ha l'icona Play o Video accanto ad esso è programmato per essere mostrato tramite Live Streaming. REGISTRATI ADESSO SU BET365

Palinsesto delle partite di calcio e degli eventi sportivi di oggi in streaming

DA PC CLICCA QUI                       

DA MOBILE CLICCA QUI



News correlate

Torna su