MotoGp 2018, Marquez vuole subito lasciare il segno. Rossi fatica

Al termine della tre giorni di test in Thailandia in vista della prossima stagione filtra ottimismo in casa Honda, Vale non ancora al top

La nuova stagione di MotoGP è ormai alle porte: i piloti della classe regina stanno già scaldando i motori in vista della prima prova del Motomondiale 2018 che andrà in scena in Qatar nel circuito di Losail il prossimo 18 marzo. A poco meno di un mese dall'atteso esordio è andata concludendosi la tre giorni di test in Thailandia al quale hanno partecipato la maggior parte di quelli che saranno i protagonisti della prossima annata. Dani Pedrosa ha chiuso con il miglior tempo davanti a Cal Crutchlow, ma le sensazioni più positive arrivano da Marc Marquez, dominatore incontrastato dei primi due giorni e terzo miglior tempo in assoluto al Chang International Circuit di Buriram.

Marquez punta a lasciare il segno sin da subito

Al termine degli appuntamenti in terra thailandese il campione del mondo in carica (per il secondo anno consecutivo dopo le vittorie nel 2013 e nel 2014) ha già macinato tantissimi chilometri in pista, dimostrando di voler continuare ad essere assoluto protagonista anche nei prossimi nove e intensi mesi di gare: 2.833 km e 596 giri all'attivo insieme alle 271 tornate non fanno altro che dimostrarlo. Test in cui lo spagnolo si è preso la scena manifestando idee già chiare per quello che sarà in questa nuova stagione motociclistica: "Devo vincere sin dall'inizio", le sue parole ai microfoni ufficiali della MotoGp a margine della tre giorni di gare.

"Abbiamo lavorato tantissimo... Abbiamo testato alcune novità ed è la prima volta che lo facciamo in un long-run. Il nuovo forcellone funziona bene anche se dà il meglio con gomme nuove - le dichiarazioni del pilota della Honda malgrado una caduta priva di conseguenze -. "Sono caduto quando non stavo spingendo. Sono stato molto costante con gomme usate anche se abbiamo sofferto un po’ di chattering. Ma il Gp sarà un'altra cosa. Siamo stati competitivi in questi test ma in ottobre le temperature non saranno le stesse e pioverà".

Rossi, che fatica!

Chi ha dimostrato di non essere ancora al top della forma è Valentino Rossi, reduce da una reduce da prestazioni non proprio esaltanti in Thailandia in sella alla sua Yamaha. Il decimo tempo portato a casa è un risultato deludente, che sicuramente non gli si addice, anche se i continui problemi con l'elettronica hanno fatto la differenza in negativo. Malgrado ciò il Dottore si è mostrato molto fiducioso ai microfoni, forte dei miglioramenti ottenuti dopo le prime giornate di test: "E' stato un test complicato, ma oggi è andata un po' meglio, soprattutto nel pomeriggio: avevamo tanto lavoro da fare, è stato importante provare tutto... Le più competitive sembrano le Honda: vanno forte tutti, non solo Marquez, ma anche Pedrosa e Crutchlow. Noi dovremo lavorare sull'elettronica. Ci vorrà qualche mese, fino ad allora dobbiamo affidarci al fato".

Marquez: "Fratellino, ti aspetto in MotoGP" (VIDEO)



News correlate

Torna su