MotoGP, caso Marquez-Rossi. Parla Agostini: "Lo spagnolo non va squalificato"

Il quindici volte campione iridato del motomondiale si è espresso sulla questione innescata dall'ennesimo contatto tra Marc Marquez e Valentino Rossi

Valentino Rossi e Marc Marquez nuovamente in "guerra". Tutto il caos creato nel 2015 in quell'ultimo famoso GP di Valencia, è tornato d'attualità dopo quanto accaduto a Termas de Rio Hondo in Argentina domenica sera. Marquez ha veramente fatto di tutto, diventando "protagonista" in negativo dalla partenza sino alle ultime tornate del GP: ha spento la moto in avvio, "rifiutando" di partire dalla corsia box e venendo penalizzato una prima volta. Ha quasi causato la caduta di Aleix Espargaro qualche giro dopo esser finito in fondo al gruppo, per poi invece mandare sull'asfalto Valentino Rossi (il video del contatto tra Rossi e Marquez).

Nel post gara Valentino Rossi è stato durissimo nei confronti di Marquez, non accettando le scuse dello spagnolo, che avrebbe vouto avere un confronto immediato nel box Yamaha. Il pesarese ha sbottato poi nel posto gara: "Non mi sento tutelato dalla direzione gara, perchè lui fa tutto quello che vuole, lo fa apposta, ti viene addosso apposta. E’ entrato in curva almeno 20 km/h più forte. Il problema è che non rispetta i suoi avversari. Io ho paura, nel 2015 ha fatto apposta a farmi perdere il mondiale. Non può succedere che in un weekend prendi 6 avversari. Spero che prendano provvedimenti. Se continuerà a comportarsi così andrà a finire male. Ti viene a chiedere scusa con le telecamere, ma non è sincero. Se capita una volta ci sta, ma se continua a farlo è una presa per il “culo”. La Race Direction ha delle responsabilità. Io non voglio più vederlo in faccia e andrò a dirglielo anche a lui.”

LE PAROLE DEL 15 VOLTE IRIDATO GIACOMO AGOSTINI

A pronunciarsi sul fattaccio, ci ha pensato Giacomo Agostini, il pilota più titolato della storia del motomondiale con 15 titoli vinti. Per lui Marquez non va squalificato, ma ecco le sue parole a "Tutti convocati" su Radio 24: "Marquez ha sbagliato e si è scusato, speriamo non lo faccia più. Però, non deve essere squalificato, è stato già punito in gara. Se squalifichiamo ogni volta, allora non corriamo più. Questo vale per tutti: penso a Iannone che ha buttato a terra Dovizioso due anni fa, allora andava squalificato, ma così non corre più nessuno. Non è vero come dice Rossi che Marquez punta alla gamba dei piloti ora sono tutti un po' nervosi e tutti stanno esagerando. Quello che è successo tra Marquez e Rossi è successo a tutti, è successo a me, è successo a Valentino Rossi, è successo sempre in questa gara anche a Zarco, che ha buttato fuori Pedrosa" (Prossima gara MotoGP Austin 2018 (Americhe): orario, data e diretta su TV8).

Agostini ha anche parlato delle scuse rifiutate dal box Yamaha, con Marquez che di fatto è stato costretto a fare "retromarcia" e tornare mestamente sui propri passi: "Sono momenti difficili, appena terminata la gara hai ancora l'adrenalina a 100. Forse era meglio aspettare un quarto d'ora, 20 minuti in più, forse si calmavano le acque, però se non fosse andato lo avrebbero criticato lo stesso".

VUOI VEDERE IL CALCIO EUROPEO E ITALIANO, MA ANCHE TANTI ALTRI SPORT IN LIVE STREAMING? ECCO LA SOLUZIONE   

Rossi: "Anche Marquez mi ricorda Verstappen"

Le parole di Valentino Rossi a inizio dicembre 2017, con un paragone piuttosto "curioso" tra Marc Marquez e Max Verstappen tra MotoGP e Formula 1.



News correlate

Torna su