NBA, la settimana infernale di Carmelo Anthony: ma i compagni lo difendono

Settimana negativa per Carmelo Anthony, l'ala piccola dei Thunder non sta attraversando un buon periodo. Ma il coach e i compagni lo difendono

Cerco di non chiedermi quel che è successo o cosa avrei dovuto fare, anche perché a questo punto è troppo tardi. Succede, posso sopportarlo. Ne segni alcuni, ne sbagli altri”. Le parole di Carmelo Anthony evidenziano il periodo negativo dell’ala piccola: una serie di prestazioni negative che hanno acceso la polemica in casa Thunder.

Non ci sono dubbi tra compagni e allenatore, tutti lo difendono. "Melo è una leggenda, e come tale verrà ricordata al termine della sua carriera. A maggior ragione stupiscono due errori del genere da parte sua – ammette Paul George – ma sa benissimo che siamo tutti dalla sua parte, che abbiamo la piena fiducia in lui. Ha solo sbagliato due liberi".

La delusione nel match contro Portland

Nel match perso contro Portland, Anthony ha messo a segno soltanto 6 punti e un assist, medie assolutamente lontane dai suoi standard. L’ala dei Thunder deve assolutamente cancellare una settimana orribile, già contro San Antonio. Nel frattempo anche coach Billy Donovan lo difende. Eccola sua opinione sull’ex Knicks: "Per me Anthony è uno che nei minuti decisivi di una gara è giusto che sia in campo, com’è sempre stato finora. Ok, non ha tirato bene in queste ultime gare, ma lo ha fatto lungo tutto l’arco della sua carriera. Non ho nessun problema coi tiri che si è preso. Carmelo ha dimostrato negli anni di essere uno dei grandi realizzatori di questa lega".

Anthony deve ritornare sulle percentuali dello scorso anno: 74 presenze nella Regular Season, con 602 tiri da due messi a segno su 11389. Ben 1659 punti messi a segno in stagione, 1693 segnati in carriera durante i play off. Una settimana orribile non deve cancellare queste statistiche.

Rimani aggiornato con tutti i video sul Basket



News correlate

Torna su