Playoff Volley: Perugia e Civitanova per il titolo, Modena e Trento per l'Impresa

Una panoramica a 360° di come arrivano le prime otto della Superlega di Volley, in vista dell'inizio dei Playoff

Modena Volley contro Lube - Volleyball.it

Modena Volley contro Lube - Volleyball.it

La scorsa settimana si è conclusa la regular season della Superlega 2017-2018 di pallavolo. Arriva adesso però il periodo più importante, quello che si aspetta dall'inizio del campionato. Adesso cominciano i playoff.

Perugia

La Sir Perugia è stata la dominatrice del campionato ed è senza dubbi la favorita per la vittoria finale. Questa estate l'arrivo di Colaci e di Anzani hanno permesso a mister Bernardi di schierare una formazione davvero impressionante. De Cecco può contare su degli attaccanti da paura che questa stagione sono stati pressoché infermabili. Su tutti spicca il nome di Aleksandar Atanasijevic. L'opposto serbo ha vissuto uno dei suoi migliori anni tanto da arrivare a quota 440 punti in campionato. Ivan Zaytsev nel ruolo di schiacciatore ha offerto un'ottima prova in ricezione e in difesa senza subire troppo e dando il suo solito contributo in attacco con 273 punti. L'altro martello Aaron Russel si conferma un giocatore di caratura internazionale segnando a referto 281 punti.

Civitanova

Se a inizio anno avessero chiesto chi avrebbe vinto il campionato molti avrebbero puntato sulla Lube Civitanova. Invece la formazione marchigiana ha in parte eluso le aspettative sbagliando alcune partite. Inoltre ha dovuto sopperire agli infortunii di molti giocatori importanti. Spiccano in attacco i nomi di due ex Itas Diatec. Sokolov (361 punti) e Juantorena (378 punti) infatti hanno trascinato Civitanova nei momenti di difficoltà affiancati da Sander. Sottotono invece Jiri Kovar che dopo un'ottima annata ha deluso un po' segnando 160 punti. Sicuramente un punto di forza per Civitanova è la rosa di assoluta qualità. Grebennikov ha dimostrato di essere un libero azzarderei dire mostruoso, non da meno il palleggiatore americano Christenson.

Modena

I gialli di Modena hanno provato a impensierire le deu sopra citate ma senza successo. La Azimut Modena ha comuque ottenuto un terzo posto a meno quattro da Civitanova. Ci si poteva aspettare un po' di più? Si, ma tenedno coto degli infortunii di Giulio Sabbi e Ngapeth si capiscono i motivi di questo terzo posto che in ogni caso è un ottimo piazzamento. Molto bravo Stoitchev che è riuscito a gestire un giocatore che definire "gallo nel pollaio" è dire poco come Ngapeth il quale però ha messo a segno ben 401 punti in camionato, a dir poco indispensabile per i canarini di Modena. Indispensabile come lo è stato Tine Urnaut che, grazie ai suoi 314 punti ha dimostrato il perchè il tecnico bulgaro lo aveva voluto fortemente a Modena dopo averci lavorato a Trento. Sabbi, come scritto, è sato condizionato da molti problemi fisici, ma ha comunque egnato 199 punti. Molto bravo è stato Andre Argenta a sostituirlo con 83 punti. Stupisce Bruno che da palleggiatore arriva a quota 100 punti, così come Holt che, dopo non aver trovato molto spazio lo scorso anno si fa notare con 192 punti di cui 20 ace e 47 muri.

Trento

Dopo un inizio tutt'altro che esaltante culminato con l'undicesimo posto in calssifica la Ditec Trentino ha rialzato la testa e gli uomini di Angelo Lorenzetti ottengono un importantissimo quarto posto ai danni di Verona. La squadra ha dimostrato di non essere ancora una squadra matura ottenendo vittorie molto importanti battendo due volte Modena; quando però si trovano delle difficoltà al squadra sembra sciogliersi. Fondamnetale è stato il pieno recuper di Uros kovacevic che, considernado i tanti problemi fiscici di inizio anno ha segnato 258 punti. Lanza, che questo anno è diventato il secondo miglior marcatore della storia di Trento ha vissuto alti e bassi mettendo in tabellino comunque 301 punti. Molto importante è stato il canadese Hoag con 269 punti così come Eder. Il centrale brasiliano messo il suo peso e la sua esperienza a servizio della squadra e soprattuto di Gianneli segnando 212 punti. Delude Vettori che ha vissuto una stagione a dir poco travagliata con molti bassi e pochi alti mettendo a segno 249 punti.

Verona

Verona arriva quinta ma ha lottato con le unghie e con i denti per sfilare a Trento il quarto posto, fallendo. Le due si sfideranno al primo turno in quella che è sicuramente la partita puiù equilibrata di tutte. Molto importanti sono stati Stern Toncek e Thomas Jaedchke con rispettivamente 405 e 313 punti. Questi due sono stati coadiuvati da Manavinezhad e da Pajenk i quali hanno segnato 212 e 222 punti. La formazione di Verona ha dovuto fare a meno per particamente tutta la stagione di Mitar Djuric, l'ex opposto di Tretno ha infatti chiuso la regular season con solo 18 set giocati e 18 punti, molto pochi per un giocatore del suo livello. Sorprende il giovane palleggiatore Luca Spirito il quale dimostar di potersi giocare un posto da titolare in nazionale con Giannelli. Sicuramente in quel ruolo li non avremo problemi essendo entrambi giovani e già molto forti.

Milano

La vera sopresa di questa stagione è Milano. La formazione di Andrea Giani ha vuto in inizo di stagione incredibile. La squadra lombarda, guidata dall'egiziano Abdel-Aziz, ha mostrato una grande pallavolo. Tuttavia nella seconda parte di stagione ha fatto qualche passo falso e ciò costa a Milano sesto posto. Fondamentale per Andre Giani l'ex palleggiatore Aziz che ha segnato 450 punti in campionato. Cebulj si ferma a quota 292 e Klinkenberg a 217. Il centrale italiano Matteo Piano segna 174 punti. Fino a qualche anno fa la nazionale aveva bisogno di centrali giovani e forti, ora con Mazzone e Piano non abbiamo più quel problema.

Piacenza

La LPR Piacenza ottiene il sesto posto in classifica. La fromazione piacentina grazie ai 408 punti del quarantenne Fei e ai 396 di Clevenot dimostar però di essere un avversario da non sottovalutare. Stagione fantastica per Alessandro Fei che dall'alto della sua età fa comunque molti punti e dimostra di poter giocare anccora ad alti livelli. Yosifov con i suoi 224 punti dimostra di essere un solido attaccante così come Parodi e Alletti. Delude un po' l'altro "vecchio" Marshall con 136 punti, ma è capibile. Speriamo che Piacenza non debba privarsi dei suoi pezzi da novanta questa estate perchè con qualche miglioria quesat squadra può ambire a fare meglio .

Ravenna

La Bunge Ravenna alla fine è riuscita ad avere la emglio su Padova concludendo con cique punti di vantaggio, Fondamentali sono stati Buchegger con i sui 458 punti e Poglajen con 326. Santiago Orduna dopo l'esperienza modenese ha accettato l'offerta di Ravenna riuscendo a ottenere un biglietto per i playoff dove, in caso di miracolo contro Perugia si potrebbe garantire la possibilità di rivincita contro al squadra che lo ha ceduto. Altro attaccante molto importante per Ravenna è stato Marechal con 261 punti. I due centrali Diamantini e Georgiev superano quota 100 punti entrambi.

Insomma, ogni squadra darà il meglio di se, chi per tentare l'impresa, chi per vincere il titolo; una cosa è sicura, durante i Playoff tutto può succedere e ogni partita dovrà essere giocata come una finale.

VUOI VEDERE IL CALCIO EUROPEO E ITALIANO, MA ANCHE TANTI ALTRI SPORT IN LIVE STREAMING? ECCO LA SOLUZIONE 

Fonte Foto: volleyball.it



News correlate

Torna su