Volley Champions League 2018: la Lube cade, trionfa lo Zenit

La Lube molla nel finale e perde contro lo Zenit. Terzo posto per Perugia, Zaytsev vicino l'addio

Per poco. La Champions League sfugge all’Italia e va allo Zenit Kazan. La Lube perde in finale, dopo aver dato veramente tutto. Ma non c’è stato nulla da fare. Ottimo secondo posto, condito dal terzo conquistato da Perugia. Un buon risultato per il volley italiano, che continua ad imporsi anche in campo europeo. Nonostante le difficoltà, la pallavolo in Europa parla ancora italiano.

VOLLEY, CHAMPIONS LEAGUE 2018: SOGNO SFUMATO PER LA LUBE

LUBE CIVITANOVA – ZENIT KAZAN 2-3 (27-29; 25-18; 25-23; 23-25; 15-17)

Il match è equilibrato sin dai primi minuti, la Lube prova a scappare ma lo Zenit tiene botta. La Lube va in vantaggio 8-6, ma al secondo time out è lo Zenit in vantaggio di due punti. La sfida prosegue ancora punto a punto, Sokolov piazza un grandissimo ace. Ma al momento decisivo Volvich sbaglia e lo Zenit chiude 27-25. Nel secondo set la Lube inizia molto bene e scappa subito sul +3. Gli ospiti ricuciono, ma alla fine la compagine azzurra trova il passo giusto e chiude sul 25-23. Il terzo set è ancora questione della Lube: 25-23 e Coppa che vola verso l’Italia.

Ma nel quarto set succede l’impensabile: la Lube è sempre avanti e il sorpasso arriva quasi nel finale. Leon piazza due muri decisivi, lo Zenit pareggia i conti e la finale si deciderà al tie break. Si va avanti punto a punto, ma Leon piazza il muro decisivo e poi la chiude lui: 15-17 e Zenit sul tutto d’Europa.

SIR SAFETY PERUGIA – ZAKSA 3-2 (17-25; 29-27; 19-25; 25-23; 15-7)

Perugia non sbaglia la finale per il terzo e quarto posto, portando a casa lo scontro contro lo Zaksa. Aleksandar Atanasijevic piazza bene 24 punti, soltanto 8 per Ivan Zaytsev, probabilmente alla sua ultima partita in rossonero. Nel primo set Perugia molla la presa, come nel terzo: i Block Devils non arrivano a venti punti, ma si rifanno nel secondo e nel quarto periodo. Nel tie break non ci sono scuse: Perugia vince 15-7 e si piazza in terza posizione.

Intanto sono stati assegnati i premi: MVP Mikhaylov, Sokolov vince il premio di miglior Opposto. Osmany Juantorena è il secondo miglior schiacciatore. Ecco tutti i premi assegnati:


MVP (miglior giocatore): Maxim Mikhaylov (Zenit Kazan)

Palleggiatore: Alexander Butko (Zenit Kazan)

Opposto: Tsvetan Sokolov (Civitanova)

Schiacciatore  1: Wilfredo Leon (Zenit Kazan)

Schiacciatore  2: Osmany Juantorena (Civitanova)

Centrale 1: Marko Podrascanin (Perugia)

Centrale 2: Dragan Stankovic (Civitanova)

Libero: Jenia Grebennikov (Civitanova)

ULTIMI VIDEO SPORT

Rimani aggiornato con gli ultimi video Sport 



News correlate

Torna su