Delirio azzurro nella discesa di Bad Kleinkirchheim: è tripletta con Goggia, Brignone e Nadia Fanchini!

E' clamoroso dominio azzurro nella discesa libera femminile di Bad Kleinkirchheim: Goggia, Brignone e Nadia Fanchini riscrivono la storia

La discesa libera femminile di Bad Kleinkirchheim rimarrà scolpita nella storia dello sci alpino italiano. Infatti Sofia Goggia, Federica Brignone e Nadia Fanchini hanno riscritto la storia colorando tutto di azzurro i tre gradini del podio. Un risultato mai visto prima in discesa libera, con lo sci italiano che continua a regalare grandissime emozioni e risultati fantastici, come già visto ieri col successo della Brignone nel SuperG.

Prestazione superlativa quella di Sofia Goggia che ha infilitto a tutti distacchi ampissimi. L'azzurra ha preceduto la Brignone di 1.10 e la Fanchini di 1.45. Da sottolineare come la partenza sia stata abbassata a causa delle pessime condizioni meteo, con gli organizzatori che hanno eliminato le prime tre curve.

La Brignone è partita col pettorale numero 2, disputando un'ottima discesa e mettendosi subito in testa. Ma poi la Goggia, col pettorale numero 5, ha sparigliato le carte non commettendo alcun tipo di errore e andando a stravincere. Infatti subito dopo una delle favorite, Tina Weirather, ha cominciato bene ma perdendo via via terreno sino ad arrivare a 1.74 dalla Goggia momentaneamente terza. Niente da fare anche per Lara Gut a più di 2 secondi (+2.13), ma poi Nadia Fanchini ha dato la zampata giusta, commettendo un errore di linea, ma finendo al terzo posto con 1.45. Gli occhi a quel punto erano su Lindsey Vonn, ma la campionessa americana non è riuscita a incidere, arrivando addirittura con più di 3 secondi di ritardo dalla Goggia. Nulla da fare anche per Anna Veith, altro pericolo per le azzurre, che ha chiuso al settimo posto a 2.03.

Federica Brignone dopo la discesa finita al secondo posto a dichiarato: "Sono molto felice per questo risultato. Le condizioni della pista sono quelle che esaltano di più noi azzurre, nel ghiacciato bisogna avere coraggio. Questa mattina ho avuto fortuna perché hanno tolto il piano iniziale". Felicità incontenibile anche per Sofia Goggia: "Sentivo qualcosa di diverso nella mia sciata, con la gara accorciata pensavo che i distacchi fossero inferiori invece è stata una giornata pazzesca per me. Paragone con la tripletta di Aspen? Erano passati vent’anni dalla ultima tripletta, mentre ora sono passati pochi mesi, ciò significa che non ci fermiamo mai".

SEGUI SPORTNOTIZIE24 SUI SOCIAL!

FACEBOOK - TWITTER - GOOGLE PLUS - INSTAGRAM

Vuoi scrivere per noi? Ecco come fare



News correlate

Torna su