William Hill IT Italiano

Serie A, al via la rivoluzione degli orari: ecco tutti i dettagli

Dal prossimo anno la Serie A si prepara a rivoluzionare anche gli orari

Serie A, al via la rivoluzione degli orari: ecco tutti i dettagli

Dopo diversi anni di dominio da parte della Juventus, la stagione 2017/2018 sta finalmente offrendo un bello spettacolo a tutti gli appassionati di calcio nostrano: la Serie A infatti sta vedendo un duello entusiasmante al vertice, con la squadra di Allegri che ha trovato nel Napoli di Maurizio Sarri una concorrente altamente credibile per la vittoria del campionato. Il rinnovato equilibrio nelle zone altissime della classifica però, non rappresenta l’unico motivo di interesse di questa Serie A: anche la lotta per la qualificazione alla prossima Champions League appare piuttosto incerta, con tre squadre – Lazio, Inter, Roma – nel giro di 2 punti. Non va poi dimenticata la lotta per la zona Europa League, con la Sampdoria che al momento occupa la sesta posizione – utile per garantirsi i preliminari – seguita da 5 squadre che possono ancora sperare di centrare il traguardo europeo: vale a dire Atalanta, Milan, Udinese, Torino e Fiorentina. Anche la lotta salvezza appare più incerta rispetto al passato: al momento infatti, solo il Benevento sembra essere spacciato, mentre Verona e Spal possono ancora sperare di restare in Serie A, con Crotone, Sassuolo, Chievo, Cagliari e Genoa che sembrano ancora coinvolte nella lotta per non retrocedere.

Dopo l’introduzione del Var, arriva la rivoluzione negli orari La stagione 2017/2018 sarà sicuramente ricordata come quella che ha visto l’introduzione del Var, vale a dire il supporto tecnologico a servizio degli arbitri. Come accade per tutte le novità che determinano delle rivoluzioni, il giudizio sul Var ha creato due partiti contrapposti: da una parte c’è chi ha benedetto l’arrivo dell’aiuto tecnologico per gli arbitri, dall’altro c’è chi vede il Var come qualcosa di negativo, che ha aumentato i problemi, anziché risolverli. Di certo si può dire che, rispetto al passato, le polemiche arbitrali sembrano essersi notevolmente ridotte ed anche le proteste sul terreno di gioco da parte dei calciatori sono sempre meno veementi: ogni decisione presa con l’ausilio del Var, sembra essere rispettata e accettata, almeno fino al fischio finale delle partite. Dunque, fino ad oggi – al di là di qualche errore grossolano che ha comunque macchiato la stagione arbitrale – il primo bilancio sull’introduzione del Var sembra essere positivo. Dal prossimo anno però, il calcio italiano potrebbe vivere una nuova rivoluzione: questa volta relativa agli orari delle partite di Serie A. Dal prossimo anno infatti, il “campionato spezzatino” diventerà ancor più esasperato: dalle 5 finestre orarie che caratterizzano la stagione in corso, si passerà ad averne addirittura almeno 8. Si dovrebbe iniziare con una partita prevista per il sabato alle 15, una alle 18 ed un’altra alle 20:30. Per quanto riguarda la domenica invece, le danze si apriranno con il lunch-match delle 12:30, seguito dal blocco delle partite delle 15:00 che si ridurrà a soli tre match. Un’altra partita poi si disputerà alle 18 e l’ultimo appuntamento domenicale sarà fissato per le 20:30. La giornata di Serie A però si concluderà il lunedì, con il monday-night delle 20:30. Dunque dal prossimo anno i tifosi italiani dovranno abituarsi ad una struttura sicuramente diversa rispetto a quella attuale, con molte più partite in orari diversi: di certo, chi vorrà gustarsi dal divano il maggior numero di match possibili del campionato italiano, potrà finalmente farlo.

LA SERIE A E’ VISIBILE IN STREAMING – LEGGI PER LE INFO


RIPRODUZIONE RISERVATA Copyright Sportnotizie24

Protected by Copyscape




News correlate

Torna su