William Hill IT Italiano

Spalletti in conferenza: 'Icardi non recupera. Nerozzi? Abbiamo trovato l'erede di Gianni Brera"

Il tecnico nerazzurro ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro il Bologna di domani, alle ore 15, allo stadio Meazza

Spalletti in conferenza: 'Icardi non recupera. Nerozzi? Abbiamo trovato l'erede di Gianni Brera"

Consueta conferenza stampa alla vigilia del match di campionato contro il Bologna per il tecnico dell'Inter, Luciano Spalletti. L'allenatore non ha recuperato il capitano Mauro Icardi, messo ko da un elongazione all'adduttore che lo ha tenuto fuori già settimana scorsa nel match pareggiato contro il Crotone per 1-1. Al suo posto ci sarà l'attaccante italo brasiliano, Martins Eder, tra i pochi a salvarsi settimana scorsa, e che ha messo a segno la rete del momentaneo 1-0. Questi tutti i temi trattati in conferenza stampa dall'ex allenatore della Roma:

Sulle condizioni di Mauro Icardi:
"Non sarà della partita perchè ha provato a restare nel gruppo ma nei movimenti con la palla sente ancora dolore e quindi si è preferito non rischiarlo".

Su Joao Cancelo e Candreva:
"Il portoghese ha grandi qualità e si è visto come quando gioca in tranquillità può darci una mano. Durante la settimana avevo visto qualcuno che stava meglio e ho fatto delle scelte contro il Crotone, questa settimana si è allenato bene e domani vedremo se sarà in campo. Antonio ogni tanto abbassa la sua qualità durante il match, ha bisogno del supporto dell'entusiasmo e del risultato ed è tra quelli che hanno calato un pò il proprio rendimento".

Ragazzo fortunato:
"Mi sento fortunato non per i risultati di Lazio e Roma ma perchè alleno l'Inter, che è una grandissima squadra. Sto benissimo qui tanto che ho cominciato ad arredare bene la casa per poter ospitare qualcuno in questo ambiente".

Sorprese contro il Bologna:
"Io tengo tutti in considerazione. Bisogna alzare la qualità offensiva ma non bisogna perdere quello che è l'equilibrio di squadra visto che in passato questa squadra ha rischiato di prendere dei gol quando offriva di più in fase offensiva. Abbiamo provato anche tattiche diverse questa settimana, per metterci qualche conoscenza in più visto che avevamo quasi sempre lavorato con il 4-2-3-1 e il 4-3-3".

Parere su Lautaro Martinez:
"Io devo concentrarmi su questo momento, dobbiamo fare risultato domani. E' giusto che i direttori organizzino il futuro, ma io non posso pensare a ciò che non porta beneficio nell'immediato".

Le condizioni di Rafinha:
"Vanno fatte delle valutazioni in base al fatto che schierarlo dal primo minuto significa dover sostituirlo a partita in corso non avendo i 90' nelle gambe".

Nuovi sistemi di gioco:
"La difesa a tre è una conseguenza di abbassare un esterno offensivo e di alzare un terzino, sono quei piccoli accorgimenti che arrivano quando tu hai palla. Noi dobbiamo arrivare di più in area di rigore".

Differenze nello spogliatoio rispetto all'inizio?
"Nei momenti belli è vero che si diventa un buon gruppo, ma se si vuol fare un accostamento alla famiglia bisogna essere vicini e sobbarcarsi anche le difficoltà quando queste arrivano. Perchè lì bisogna essere ancora più disponibili nei confronti del compagno anche quando ci sono degli errori. E questo posso assicurare che sta avvenendo al cento per cento".

Sullo scoop del Corriere della Sera:
"Nerozzi ha provato a dare una svolta alla sua carriera con questo pezzo e ha provato a mettersi al pari delle grande firme. Non sarà facile per lui perchè le grandi firme la penna la lasciano muovere dal cuore e dalla verità e in questo pezzo ce ne trovo poca. Un articolo dove troppe cose non vanno bene, non devo giustificarmi con nessuno perchè non ho nulla da commentare, perchè io parlo con chiunque si approccia con dei modi corretti. Non mi va bene perchè è stato detto che nella mia società non spendono e l'Inter è un ambiente ad un passo dalla follia e questa è una frase nella quale leggo solo un modo per farci del male, per creare una frattura tra me e l'ambiente. Si stava solo parlando della differenza rispetto ad inizio campionato, poi quale parola abbia utilizzato mi è difficile ricordarlo ma il concetto era sicuramente riferito alla differenza dei risultati e alla forte involuzione avuta. Si rischia la follia in base ai cambiamenti di risultati che ci sono stati. Diciamo che forse abbiamo trovato l'erede di Gianni Brera".

INTER-BOLOGNA E’ VISIBILE IN STREAMING – LEGGI PER LE INFO


RIPRODUZIONE RISERVATA Copyright Sportnotizie24

Protected by Copyscape




News correlate

Torna su