Inter-Bologna: Donadoni protesta per il mancato rigore, Spalletti 'severo' con Brozovic

Le parole dei due tecnici nel dopo gara di Inter-Bologna per la 24esima di Serie A finita 2-1: Donadoni recrimina per la scelta di Valeri al Var

Inter-Bologna: Donadoni protesta per il mancato rigore, Spalletti 'severo' con Brozovic

L'Inter torna alla vittoria contro il Bologna, gara giocata al Meazza per la 24esima giornata di campionato di Serie A. Vittoria contro la squadra di Roberto Donadoni che consente di scavalcare la Lazio a +2, portandosi quindi al terzo posto in classifica. Gli uomini di Spalletti partono subito forte con il gol di Eder al secondo minuto, bravo a sfruttare al meglio le due giocate di Karamoh prima e Brozovic dopo. Dopodichè l'Inter si rilassa e concede il pareggio al Bologna. L'Inter si aggrappa alla giocata capolavoro di Karamoh per tornare alla vittoria. Al termine della gara i due tecnici si concedono ai microfoni dei giornalisti.

Una vittoria scaccia crisi per l'Inter che torna al terzo posto in classifica e rivede la luce dopo 70 giorni di astinenza da vittoria. I fischi di San Siro si sono alla fine trasformati in applausi, anche per i nerazzurri sono adesso tornati al terzo posto in classifica, scavalcando la Lazio. Per il Bologna invece arriva la quinta sconfitta nelle ultime sei partite, con la vittoria arrivata col Benevento nel mezzo. Ma non può bastare, ai felsinei manca la continuità cercata da tempo, difetti già riscontrati nella passata stagione. A fine match Donadoni ha avuto da ridire su un episodio arrivato nel finale, con Valeri che è andato a visionare le immagini al Var. Per Spalletti invece lodi per Karamoh e punture di spillo per Brozovic.

Donadoni voleva il rigore

Partiamo dalle parole di Roberto Donadoni che recrimina ancora sul fallo di mani di Danilo D'Ambrosio, con l'arbitro che, dopo aver consultato la VAR decide per non concedere il rigore: "Ci dispiace per non aver portato a casa il risultato. Bisogna essere più incisivi e non commettere l'ingenuità di concedere due uomini agli avversari. Sul rigore dico che il braccio non mi sembra sia attaccato al corpo. Il mio giudizio cambia poco perchè lo si vede chiaramente. Se si decide che quello è un braccio attaccato al corpo, io dico di no. Non è nemmeno un braccio dietro al corpo come spesso fanno i difensori". Queste le parole del tecnico del Bologna.

Spalletti chiaro su Brozovic

Passiamo alle parole di Luciano Spalletti, che fnalmente è tornato alla vittoria. Il tecnico di Certaldo si gode il giovane Karamoh: "Lui ha fatto bene ma ha anche delle pause e per noi diventa difficile se si perde il possesso palla. Il ragazzo si deprime facilmente ma poi ha delle fiammate incredibili, insomma, deve crescere". Continua poi su Rafinha, ancora tra i migliori in campo, e sul presunto fallo di rigore di D'Ambrosio: "Non ha tutta la partita nelle gambe anche perchè viene da un anno e mezzo senza partite. Il presunto rigore? Il braccio è lungo il corpo e Danilo quando si accorge che il pallone gli va sulla mano cerca di toglierlo, oltretutto la distanza è troppo ravvicinata. L'interpretazione dell'arbitro è stato corretta". Infine sulle polemiche di Brozovic: "L'allenatore e la società devono far rispettare le regole. Non lo punisco io ma ci sono le regole".

LA SERIE A E’ VISIBILE IN STREAMING – LEGGI PER LE INFO


RIPRODUZIONE RISERVATA Copyright Sportnotizie24

Protected by Copyscape




News correlate

Torna su