L’Inter usa il pugno duro con Brozovic: il futuro del croato è segnato

L’ex centrocampista della Dinamo Zagabria ha applaudito ironicamente i tifosi che lo fischiavano

L’Inter usa il pugno duro con Brozovic: il futuro del croato è segnato

La storia di Marcelo Brozovic all’Inter sembra essere arrivata al capolinea: il rapporto tra il centrocampista croato e i tifosi nerazzurri infatti, è ai minimi storici e questa volta sarà complicato ricucire lo strappo. Nel corso del secondo tempo della sfida vinta dall’Inter contro il Bologna, Spalletti ha deciso di sostituire Brozovic con Rafinha per provare a dare una scossa alla squadra che in quel momento era ancora ferma sull’1-1 contro i rossoblù. Mentre usciva dal campo, il calciatore croato è stato subissato dai fischi dei tifosi nerazzurri e lui, in aperta polemica, ha risposto applaudendo lo stadio. Quel gesto costerà una multa a Brozovic e inoltre l’Inter, gradirebbe che l’ex centrocampista della Dinamo Zagabria si scusasse pubblicamente con tutto il popolo nerazzurro: dalle parti del club di Corso Vittorio Emanuele infatti, sono convinti che il pubblico interista vada rispettato sempre e comunque e, in tal senso, il gesto di Brozovic va letto come una mancanza di rispetto assolutamente inaccettabile.

Brovovic era ad un passo dalla cessione al Siviglia: addio in estate?

Arrivato a Milano nel gennaio del 2015, la storia di Mercelo Brozovic è stata caratterizzata da un susseguirsi di alti e bassi. Più volte ha vissuto momenti che avevano portato il club nerazzurro a blindarlo, arrivando anche a rifiutare importanti offerte di big europee, con la stessa Juventus che in passato avrebbe provato a strapparlo ai nerazzurri. Alla fine però Brozovic è sempre rimasto a Milano ed anche all’inizio di questa stagione sembrava poter ritagliarsi un ruolo importante nell’Inter di Spalletti: EpicBrozo infatti è l’unico calciatore presente nella rosa nerazzurra ad avere le caratteristiche giuste per essere quel “centrocampista assaltatore” che più volte Spalletti aveva richiesto in estate, senza mai essere accontentato dalla dirigenza. Il croato ha un certo feeling con il gol, qualità questa che tra i centrocampisti nerazzurri è merce rarissima: per questo motivo Spalletti lo ha più volte impiegato nel ruolo di trequartista, a supporto di Mauro Icardi, nel tentativo di dare fiducia a Brozo. Le risposte del calciatore croato però, sono state altalenanti: come spesso fatto in carriera infatti, Marcelo ha alternato buone prestazioni a prove da dimenticare, generando una frattura con la tifoseria nerazzurra che in più di un’occasione lo ha fischiato. A gennaio EpicBrozo era ad un passo dal trasferimento al Siviglia di Vincenzo Montella, ma il mancato arrivo di Javier Pastore in maglia nerazzurra ha spinto Spalletti a bloccare l’operazione: senza un sostituto adeguato, Brozovic non sarebbe partito e così è stato. Il croato però mentalmente sembra aver staccato la spina e, pur rendendosi protagonista di diversi assist nelle ultime uscite stagionali, continua a non convincere pienamente Spalletti e i tifosi nerazzurri. La rottura tra Brozovic e l’Inter dunque, sembra essere definitiva e al termine della stagione la cessione del croato pare la soluzione più semplice da percorrere, magari a titolo definitivo. L’ex calciatore della Dinamo Zagabria sarà impegnato al Mondiale con la sua Croazia e delle buone prestazioni offerte in Russia potrebbero rappresentare un’ottima vetrina per trovare acquirenti e favorire il suo addio a Milano. La storia tra Brozovic e l’Inter dunque, sembra essere arrivata ai titoli di coda, questa volta davvero, senza spazio per alcun ripensamento.



News correlate

Torna su