Doping, Joao Pedro positivo a diuretico dopo Sassuolo-Cagliari e Chievo-Cagliari

Il trequartista del Cagliari Joao Pedro è risultato positivo ai test effettuati da Nado Italia subito dopo la partita con il Sassuolo

La Serie A "scopre" un nuovo caso doping. Dopo la vicenda legata a Fabio Lucioni, capitano del Benevento trovato positivo ad un test dopo il match contro il Torino del settembre scorso, adesso è la volta di Joao Pedro del Cagliari. Il trequartista brasiliano, come riporta l'ANSA, è infatti risultato positivo all'idroclorotiazide (diuretico) ai test effettuati da Nado Italia subito dopo la partita con il Sassuolo dell'11 febbraio scorso.

Joao Pedro positivo anche dopo Chievo-Cagliari della settimana successiva

In attesa delle controanalisi, il giocatore dei sardi è stato sospeso dal tribunale nazionale antidoping di Nado Italia. Ma come riferisce sempre l'ANSA, Joao Pedro è stato trovato positivo alla stessa sostanza anche nel test antidoping successivo nel match del 17 febbraio Chievo-Cagliari giocato al Bentegodi di Verona. Il brasiliano, già sospeso, rischia ora una sanzione fino a due anni di squalifica.

La stagione di Joao Pedro col Cagliari - Joao Pedro in questa stagione ha giocato 23 volte col Cagliari tra campionato e Coppa Italia, mettendo a segno 6 goal. Il brasiliano è stato anche protagonista in negativo durante il match della Sardegna Arena contro la Fiorentina, dove nel finale con un pestone colpì volontariamente Federico Chiesa, venendo espulso dopo la consultazione delle immagini col Var. Per lui arrivò una squalifica di tre giornate, che diventarono quattro anche per l'ammonizione precedentemente subita e già diffidato.

A gennaio Lucioni squalificato per un anno

Come detto con quello di Joao Pedro salgono a due i casi di doping rilevati in Serie A in questa stagione. Fabio Lucioni, trovato positivo lo scorso 22 settembre, dopo la gara col Torino, era stato sospeso in via cautelare per 90 giorni. Scaduta la quale aveva anche giocato tre partite di campionato, prima della sentenza definitiva della prima sezione del Tribunale nazionale antidoping di Nado Italia arrivata lo scorso 16 gennaio: un anno di squalifica per il difensore del Benevento e 4 anni per il medico del club sannita, Walter Giorgione, per l'utilizzo non consentito della sostanza Colostebol.

LA SERIE A E’ VISIBILE IN STREAMING – LEGGI PER LE INFO

ULTIMI VIDEO DI CALCIO ITALIANO



News correlate

Torna su