Inter, così si va in Champions League

I nerazzurri hanno offerto una delle migliori prestazioni stagionali nel match pareggiato ieri contro il Napoli

Un punto importantissimo per la rincorsa Champions. E' questo il pensiero generale in casa Inter dopo il pareggio ottenuto nel posticipo della ventottesima giornata di campionato contro il Napoli. I nerazzurri hanno bloccato gli uomini di Maurizio Sarri sullo 0-0, salendo a 52 punti, ad un punto dalla Lazio e a quattro lunghezze di distacco dalla Roma, con le due romane che, però, hanno una partita in menoin virtù del rinvio del derby di Milano di settimana scorsa a causa della tragedia Astori. Derby che potrebbe essere recuperato il 3 o il 4 aprile visto che i rossoneri, dopo lo 0-2 subito nell'andata degli ottavi di Europa League contro l'Arsenal, potrebbero essere eliminati. Un punto che toglie la testa della classifica al Napoli, che rischia di dire addio al sogno scudetto (qui il calendario a confronto con la Juventus)

UNA PRESTAZIONE DA CHAMPIONS

Quella di ieri, comunque, è stata una delle migliori prestazioni dell'Inter in questa stagione (qui la cronaca del match), anche migliore dell'andata. Nel girone di andata, infatti, i nerazzurri bloccarono il Napoli sullo 0-0 ma i partenopei giocarono meglio, avendo più palle gol e chiudendo la squadra di Spalletti nella propria metà campo. Ben diversa, invece, è stata la partita di ieri, con i nerazzurri che a tratti si chiudevano dietro ma non esitavano a ripartire e, alla fine, le azioni da gol pericolose sono state due a testa. Nel primo tempo Antonio Candreva ha sfiorato il palo alla destra di Reina, nella ripresa il centrale slovacco Milan Skriniar ha preso il palo in pieno su inserimento da dietro, di testa. Poi è salito il Napoli, che in due circostante ha sfiorato la rete con Lorenzo Insigne. Pari giusto, dunque, ma è stato l'atteggiamento dell'Inter che ha lanciato messaggi positivi ai propri tifosi, con la squadra che giocava in 30 metri, chiudendo tutte le linee di passaggio al Napoli. Spalletti nel post partita, però, non si è voluto sbilanciare, sottolineando come a questa squadra manchi ancora qualità e come non ci si possa sbilanciare dicendo che questa sia la svolta. Ciò che è certo è che se l'Inter dovesse giocare sempre così, arrivare in Champions non sarebbe più così difficile.

SORPRESA BROZOVIC

Uno dei giocatori che più di tutti hanno sorpreso ieri è il centrocampista croato, Marcelo Brozovic, autore di una grandissima prestazione. Lanciato a sorpresa dal primo minuto al posto di Borja Valero e Vecino, il giocatore ha trasformato i fischi di San Siro, avuti nel match contro il Benevento, in applausi. Il giocatore potrebbe essere un'arma in più per le ultime undici giornate che dividono l'Inter da un piazzamento in Champions League. Un giocatore che, invece, non ha dato segnali di ripresa è l'esterno croato, Ivan Perisic, autore dell'ennesima prova incolore. Dalla tripletta al Chievo Verona l'ex Wolfsburg è scomparso, non dando più il solito apporto e non risultando più decisivo con le sue accelerazioni sulla fascia. Con il suo recupero la qualificazione in Champions diventerebbe in discesa.

L'ULTIMA GIORNATA DI SERIE A



News correlate

Torna su