William Hill IT Italiano

Napoli, domani faccia a faccia De Laurentiis-Sarri: ecco le richieste del tecnico

Il tecnico degli azzurri chiede un rafforzamento della rosa per restare a Napoli, ma il Presidente non investirà sui top player

Con la vittoria ottenuta a Marassi contro la Sampdoria, il Napoli di Maurizio Sarri ha centrato il record di punti in Serie A. Anche se lo scudetto è svanito dunque, la stagione della squadra campana resta assolutamente straordinaria, con Insigne e compagni che hanno fatto sognare la città, facendole cullare il sogno di tornare a festeggiare la vittoria del tricolore.

La distanza sul piano della qualità tecnica e soprattutto sul quello della profondità della rosa, era troppo elevata per consentire alla squadra di Sarri di lottare ad armi pari con la Juventus: alla fine dunque, la sensazione del tecnico del Napoli è quella di aver fatto il massimo possibile con gli uomini a disposizione, arrivando a sfiorare una vera e propria impresa.

Napoli, domani faccia a faccia De Laurentis-Sarri: svolta vicina?

Il campionato dunque volge al termine, ma in casa Napoli c'è da rivolvere il rebus legato al futuro di Maurizio Sarri. 

Secondo quanto riportato dall'edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, domani dovrebbe andare in scena il faccia a faccia tanto atteso tra l'allenatore del Napoli e Aurelio De Laurentiis.
Per quanto riguarda i temi sul tavolo della trattativa, dal punto di vista economico, il Presidente del club campano sembra orientato a venire incontro alle richieste di Sarri: al momento tra domanda (4 milioni) e offerta (3,5), ballano 500.000 euro, una cifra che non sembra rappresentare un ostacolo insormontabile. 

Ciò che invece potrebbe portare alla rottura tra De Laurentiis e Sarri, potrebbe essere l'aspetto tecnico: l'allenatore toscano infatti sarebbe intenzionato a richiedere il rafforzamento dell'organico, ma il Presidente non sembra affatto disposto a investire su top player. La politica societaria infatti non cambierà: si continuerà ad investire su giovani di talento, pronti a giocare e con potenziale da esplorare. 
Inoltre, Sarri sarebbe disposto a lasciar partire calciatori come Jorginho, Koulibaly o Mertens, ma li lascerebbe andare con la promessa di sostituirli con elementi di qualità superiore. Dunque resta da sciogliere il nodo tecnico, un nodo che potrebbe anche portare alla rottura tra le parti. 

Sarri: "Scudetto perso a Firenze... in albergo"

Il tecnico degli azzurri ha commentato la stagione del Napoli, indicando il momento in cui la squadra ha perso lo scudetto.



News correlate

Torna su