Genoa-Parma 1-3: sempre Piatek ma non basta, ducali a quota 13

Il centravanti polacco ancora a segno, sale a quota 9 reti in campionato, ma questa volta non basta ai grifoni

Si è appena concluso il lunch match della domenica tra Genoa e Parma allo stadio Ferraris di Genova con il successo dei ducali per 3-1. Vittoria fondamentale per la squadra di D'Aversa, che scala la classifica a sale a quota 13 in classifica, agganciando perfino Sassuolo e Inter in zona Champions e, soprattutto, superando i grifoni, che restano a quota 12. Genoa che era passato anche in vantaggio con la rete del solito Piatek al 6', che sale a quota 9 in testa alla classifica capocannonieri. Il pari, però, arriva dopo meno di dieci minuti con l'ex Rigoni al 16', con Siligardi e Ceravolo che al 26' e al 30' chiudono il match nel primo tempo. Ora ci sarà la sosta per le Nazionali e alla ripresa il Genoa avrà il difficile impegno contro la Juventus, all'Allianz Stadium, mentre il Parma ospiterà la Lazio al Tardini.

GENOA-PARMA 1-3, LE FORMAZIONI

Il tecnico del Genoa, Davide Ballardini, riserva alcune sorprese rispetto alle indiscrezioni della vigilia. Sulla trequarti, infatti, non c'è Pandev ma al suo posto viene preferito Medeiros. Anche sulle fasce cambia tutto visto che non agiscono Criscito e Romulo, bensì Pedro Pereira e Lazovic, con il capitano che viene arretrato nei tre difesa e con l'ex Verona che, invece, parte dalla panchina. 

Il tecnico del Parma, Roberto D'Aversa, come il suo collega cambia qualcosa rispetto a quanto si paventava alla vigilia, ma in questo caso anche per l'emergenza infortuni. Il tridente d'attacco infatti è composto da Ceravolo, Di Gaudio e Siligardi, che vince il ballottaggio con Ciciretti. Non sono disponibili, invece, Inglese e Gervinho, out per problemi muscolari. Conferme per il centrocampo, composto da Rigoni, Stulac e Barillà, e la difesa, formata da Iacoponi, Bruno Alves, Gagliolo e Gobbi.

PIATEK NON BASTA AL GENOA

Il Genoa parte forte e passa subito in vantaggio grazie alla rete del solito Piatek, che al 6' insacca di testa. Il Parma, però, non ci sta e reagisce con il colpo di testa di Rigoni su azione da calcio d'angolo, con l'ex che non esulta. Al 20' Sepe è incerto su un cross di Pedro Pereira e rischia un clamoroso autogol. Al 23' ancora Piatek, che sfiora la doppietta con un altro colpo di testa che finisce sul palo per poi essere salvato sulla linea dallo stesso Sepe. Episodio che sembra cambiare il match, con il Parma che trova il raddoppio al 26' con Siligardi, bravo ad accentrarsi e a trafiggere Radu di sinistro. Al 30', poi, arriva anche la terza rete con Ceravolo, lasciato libero di colpire di testa al centro dell'area. Nel finale di primo tempo, poi, annullata una rete a Criscito per fuorigioco.
Nella ripresa Ballardini a trazione anteriore con gli ingressi di Favilli e Bessa e il Genoa sfiora subito il 2-3 con Lazovic al 46'. Al 53' è il Parma ad andare vicino al gol ma Radu con una grande parata tiene in partita i compagni. Al 63' è Bessa a impensierire Sepe con un tiro da fuori. Al 79' ancora Bessa, ancora con un tiro da fuori ma Sepe si rende protagonista con un ottimo intervento. All'81', invece, è Favilli a provarci ma il portiere dei ducali sembra insuperabile. All'83' Piatek di testa non trova la porta ed è una notizia rispetto all'ottimo inizio di stagione. Non succede più nulla e il Parma porta a casa tre punti fondamentali per la lotta salvezza.

TI PIACE SCOMMETTERE SUL CALCIO? USA WILLIAM HILL E PRENDI IL BONUS INIZIALE

INFO SERIE A E COPPA ITALIA 2018-2019

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2018-2019

CLASSIFICA SERIE A - RISULTATI SERIE A

CALENDARIO E ACCOPPIAMENTI COPPA ITALIA 2018/2019



News correlate

Torna su